Live Sicilia

ENNA

Non commisero quell'estorsione. Assolte tre persone


Articolo letto 644 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
Il gup Alessandra Giunta ha assolto dall'accusa di estorsione, ai danni del gruppo Arena di Enna, tre imputati di San Cataldo ritenuti affiliati a Cosa nostra: Calogero Maurizio Di Vita e i fratelli Antonio e Salvatore Cordaro. Il pm Roberto Condorelli aveva chiesto per i Cordaro e Di Vita la condanna a 6 anni e 8 mesi ciascuno.
I fatti si riferivano agli anni tra il '90 e l'inizio del 2000. In quel periodo i supermercati Sidis di Enna e San Cataldo furono oggetto di alcuni attentati.
Secondo i difensori, non ci sarebbero riscontri sul fatto che il boss di Enna, Gaetano Leonardo, abbia mai incontrato i tre per spartire con loro il ricavato (10 milioni di lire) di una presunta estorsione risalente al 2000 e commessa ai danni del Sidis di Enna. Per le estorsioni ai supermercati Sidis di Enna e San Cataldo è ancora pendente davanti al Tribunale di Caltanissetta il processo al boss Leonardo.