Live Sicilia

Favara, poliziotti aggrediti

Scuola di legalità? No, pietrate


Articolo letto 842 volte

VOTA
0/5
0 voti

alberghiero ambrosini, favara, Cronaca
L’incontro sulla legalità, organizzato oggi all' istituto alberghiero "Ambrosini" di Favara, nell'agrigentino, si è trasformato in uno scenario di violenza ed aggressione contro le forze dell’ordine. Un gruppo di studenti ha, infatti, insultato e lanciato oggetti e piccole pietre contro l'auto di servizio dei poliziotti che erano intervenuti a una lezione sui principi della legalità. I ragazzi avrebbero poi inveito contro gli agenti, esortandoli ad allontanarsi. Un gesto inconsulto fortemente stigmatizzato dal sindaco di Favara Domenico Russello, dal questore di Agrigento Girolamo Di Fazio e dal preside dell’istituto superiore, Giuseppe Salamone.

"E' un gesto che ci addolora - ha commentato il questore Di Fazio – un gesto che non va minimizzato o nascosto, ma condannato con forza. Noi non siamo educatori, portiamo soltanto un messaggio, una testimonianza, dando un volto a una istituzione di modo che i giovani la sentano più vicina. Spetterà ai docenti dell'istituto aprire una riflessione su quanto avvenuto e trovare il percorso educativo adeguato".

Amareggiato l’assessore comunale alla pubblica istruzione di Favara, Antonio Patti. "Sono fortemente rammaricato - ha detto - perché questa scuola è intitolata a Gaspare Ambrosini, uno dei padri fondatori della Costituzione italiana, esempio lungimirante della democrazia. In questi anni, di concerto con il preside, abbiamo lavorato molto con i ragazzi insegnandogli ad aver rispetto della convivenza con il territorio e le istituzioni, investendo nella cultura della legalità. Apprendere un fatto del genere mi riempie di dolore, poiché rende vano il lavoro che vede giornalmente impegnati i docenti e tutto il personale scolastico. I ragazzi dovranno riflettere sullo scellerato comportamento, capendo una volta per tutte che le forze dell’ordine si pongono a tutela della nostra società e del suo sviluppo”.