Live Sicilia

Il procuratore aggiunto Roberto Scarpinato

"Palermo produce il 60 per cento
dei sequestri di tutta Italia"


Articolo letto 471 volte

VOTA
0/5
0 voti

beni sequestrati, scarpinato, Cronaca
Roberto Scarpinato

Roberto Scarpinato



"C'é un progetto di forte aggressione dei capitali mafiosi. Lo dimostra il fatto che Palermo produce il 60% dei beni sequestrati in tutta l'Italia". A dichiararlo è il Sostituto procuratore Roberto Scarpinato che coordina alla Direzione distrettuale antimafia di Palermo le indagini sulla criminalità economica. "La vicenda del sequestro ai danni dei fratelli Agrò - spiega Scarpinato - fa emergere una Cosa Nostra che investe nell'usura quando le vittime non riescono a pagare gli strozzini si rivolgono ai mafiosi che intervengono con i loro metodi. Una persona che ha denunciato è stata uccisa. Un'altro imprenditore che aveva un debito di 180 milioni di lire è stato sequestrato e portato in Calabria fino a quando non ha pagato".

Scarpinato ha commentato anche il sequestro dei beni dell'imprenditore di Castellammare Mariano Saracino. "Si tratta di un soggetto ripetutamente arrestato e condannato eppure non si era mai riusciti ad intaccare i suoi beni - ha aggiunto il magistrato - oggi portiamo a casa un risultato decisivo. Una cosa nostra capace di fare soldi e infatti capace di conquistare il consenso sociale. Ecco perché l'aggressione ai patrimoni è decisiva nella lotta alla mafia".