Live Sicilia

OMICIDIO MEREDITH

Mario Alessi nuovo teste. Guede gli confessò i particolari del delitto


Articolo letto 488 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
Spunta una testimonianza chiave nella vicenda dell'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher a Perugia. E' quella di Mario Alessi, il muratore siciliano condannato per l'omicidio del piccolo Tommaso Onofri, detenuto nel carcere di Viterbo. Lostesso dove avrebbe raccolto una confidenza di Rudy Guede, su cui sarebbero al lavoro ora gli avvocati di Raffaele e Amanda, perché possa essere inserita nel processo di Appello. Ad Alessi, Guede, che la corte considera il terzo autore dell'omicidio, avrebbe confidato: "C'ero io ma non ero solo, c'era con me una persona che non è mai stata sfiorata dalle indagini". Dichiarazioni che sarebbero state fatte durante l`ora d`aria. Lo stesso Alessi avrebbe avvertito gli avvocati Bongiorno e Maori di quanto saputo. Gli avvocati di Raffaele Sollecito si sono limitati a ribadire che hanno "semplicemente portato avanti una inchiesta diversa da quella della magistratura". Rudy Guede si è sempre definito innocente, anche se nell`ultimo processo, si è avvalso della facoltà di non rispondere sulle dichiarazioni da lui rese in sede di processo abbreviato celebrato davanti al Gip Paolo Micheli.