Live Sicilia

Critica alla timidezza dei religiosi

Tre vescovi: "Contro la mafia
la Chiesa del Sud rialzi la testa"


Articolo letto 727 volte

VOTA
0/5
0 voti

appello, chiesa, mafia, monsignor mogavero, vescovi, Cronaca
La Chiesa è stata "a volte troppo timida" di fronte alla mafia, ed è ora di scelte coraggiose per il Sud, per fare in modo che il documento della Cei sul Mezzogiorno non finisca sugli scaffali, come quello di 20 anni fa. Lo affermano tre vescovi del Mezzogiorno intervistati da Famiglia Cristiana. "Se dopo Pasqua nessuno ne parlerà, avremo fallito", ha osservato il vescovo di Mazara del Vallo, mons. Domenico Mogavero, che teme una Chiesa "icona dell'antimafia", che sollevi i singoli dalle proprie responsabilità. "Non siamo tutti sulla stessa lunghezza d'onda" anche nella Chiesa - ha aggiunto - e occorre riflettere "anche nelle nostre comunita" sul senso della "parola terribile" citata nel documento Cei sul Mezzogiorno: 'collusione'. Insomma, servono segnali concreti, azioni dimostrative: "Ogni comunità - propone Mogavero - scelga un argomento in relazione alla situazione del proprio territorio e agisca: pizzo, usura, corruzione della politica, mafia devota che offre soldi per le feste popolari". Essendo pronti a "pagare di persona". Il vescovo di Agrigento, Francesco Montenegro, quello che a Natale tolse i Re Magi dal presepe lasciando la scritta: 'respinti alla frontiera' come immigrati clandestini, propone di "abolire ogni festa religiosa nei paesi dove si contano gli omicidi. Il sacro non basta per ritenersi a posto - dice - se poi nessuno denuncia e la cultura mafiosa è l'unica ammessa". "La nostra gente deve tornare a essere protagonista, e di diventa protagonisti con il voto e con volti nuovi", ha osservato il vescovo di Locri, mons. Giuseppe Morosini, e forse "bisognava essere più chiari, anche nelle responsabilità di una Chiesa a volte troppo timida".