Live Sicilia

La denuncia di Mobilità Palermo

Vigili "distratti" con bagarini
e parcheggiatori abusivi


Articolo letto 3.714 volte


mobilita palermo, polizia municipale, vigili urbani, Cronaca
Bagarini vendono biglietti dello stadio a prezzi maggiorati, parcheggiatori abusivi all'opera, tutto sotto gli occhi dei vigili urbani di Palermo che non avrebbero alzato un dito per sanzionare i comportamenti illeciti. E' la denuncia di Giulio Di Chiara, uno dei fondatori di "Mobilità Palermo", comitato cittadino a sostegno delle opere e dei progetti a favore dello sviluppo, in particolare sulla viabilità e la mobilità cittadina.



Il comitato ha diffuso alcuni scatti in cui sarebbero stati beccati vigili urbani con le braccia conserte di fronte a un bagarino nei pressi dello stadio (la persona cerchiata di rosso nella foto sopra). "Andando allo stadio da più di un decennio continuo a vedere medesime scene pietose - scrive Di Chiara - ogni domenica si lede la nostra intelligenza, perchè vedere sistematicamente questi episodi può solo offendere la dignità della gente".



Con l'immagine del presunto bagarino, il comitato ne gira anche un'altra in cui un vigile sarebbe a colloquio con un parcheggiatore abusivo. "Passano diversi minuti e addirittura li vedo interloquire. Staranno sicuramente comunicando che devono consegnare l’incasso e seguirli tutti in questura - scrive Di Chiara - niente, gli abusivi si allontanano e continuano il loro 'lavoro', così come i vigili. Ma che si saranno detti? Ma perchè il poliziotto non ha fatto nulla? I vigili urbani di Palermo non vedono e non sentono... è l’unica spiegazione possibile... perchè qui la polizia municipale si rende complice di un illecito e non ci sono scuse che tengono. Sarebbe meglio per loro non farsi vedere in questi casi, almeno si potrebbe dire che 'i vigili urbani non c’erano e non hanno potuto operare di conseguenza'. Invece - conclude - ci sono e non fanno niente, nessuno prende provvedimenti. E continuano a giocare con la nostra dignità. E continuano ad arrampicarsi sugli specchi".