Live Sicilia

Palermo. Cosca di Resuttana

Mafia, una confisca
da un milione e mezzo


Articolo letto 722 volte

VOTA
0/5
0 voti

confisca, cosca, famiglia di trapani, famiglia madonia, Cronaca
La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha confiscato in Sicilia ed in Umbria, su provvedimento del Tribunale del capoluogo siciliano, attività commerciali e aziendali nell'ambito della ristorazione e beni immobili intestati a prestanome e fiancheggiatori della cosca mafiosa di Resuttana, guidata dalle famiglie Madonia e Di Trapani. Il valore complessivo dei beni confiscati è di oltre un milione e 500mila euro.

Il provvedimento scaturisce da indagini che hanno riguardato, per oltre un anno, soggetti organicamente inseriti nel mandamento mafioso di Resuttana e San Lorenzo, la zona controllata dai boss Salvatore Lo Piccolo, Nino Madonia e Nicolò di Trapani. I beni confiscati sarebbero riconducibili a Salvatore Lo Cricchio, zio di Nicolò Di Trapani, recentemente condannato per estorsione. Formalmente risultavano intestati ad alcuni prestanome, tra i quali la moglie Lorenza Sgroi, i figli Margherita e Pietro, e Paolo Faraone, un palermitano trapiantato a Terni. Quest'ultimo avrebbe svolto un ruolo attivo nella gestione di attività economiche e nel reinvestimento di capitali mafiosi. Le indagini della Dia, condotte con l'ausilio di intercettazioni ambientali e telefoniche, si sono avvalse anche della collaborazione del Comando Provinciale Carabinieri di Terni che ha contribuito alle acquisizioni documentali ed alla individuazione degli immobili confiscati. Si tratta di alcuni appezzamenti di terreno a Partinico intestati ai familiari di Lo Cricchio e di due appartamenti e di un complesso aziendale a Terni, intestati a Paolo Faraone.