Live Sicilia

Il dissidio tra Lombardo e Miccichè

Report e lo strano caso
dell'ingegnere "pigliatutto"


Articolo letto 6.580 volte

Non c'è solo la questione del crepuscolare Berlusconi a minacciare l'erigendo Partito del Sud e la saldezza della coppia Lombardo-Miccichè. Un pezzo di Emanuele Laura su "Repubblica" va al fondo della questione. E la questione parte dall'ormai celebre puntata di Report. Scrive Lauria: "Tutto cominciò nell'estate di undici anni fa. (...)


alfredo bevilacqua, gianfranco miccichè, raffaele lombardo, Politica
Non c'è solo la questione del crepuscolare Berlusconi a minacciare l'erigendo Partito del Sud e la saldezza della coppia Lombardo-Miccichè. Un pezzo di Emanuele Lauria su "Repubblica" va al fondo della questione. E la questione parte dall'ormai celebre puntata di Report (nella foto Milena Gabanelli). Scrive Lauria: "Tutto cominciò nell'estate di undici anni fa. 'Vallegrande Ranch' si chiamava il posto: un agriturismo alle porte di Cefalù. E' lì che, in occasione di una colonia estiva dei figli, si conobbero Gianfranco Miccichè e Antonino Bevilacqua, il politico e l'ingegnere. E' lì che nacque una lunga amicizia destinata a finire presto sotto i riflettori: da un lato il capo di Forza Italia nell'Isola e l'uomo di governo che ha le chiavi della cassa per le opere pubbliche nel Meridione; dall'altro il professionista che da quel momento in poi fa man bassa di incarichi (segue l'elenco, ndr). Maxi-appalti finiti, per la progettazione o per la direzione dei lavori, alle due società di Bevilacqua che hanno sede al primo piano dell'elegante studio di Palazzo Torremuzza". Scrive Repubblica: "Un'escalation che ha finito per tracciare, attorno a Bevilacqua, l'immagine di asse pigliatutto delle grandi opere. Così l'ha dipinto Report l'altra sera". Ma poi c'è la storia della sgarbo, come si racconta. Lo sfregio sulla reputazione dell'ingegnere che avrebbe approfondito il solco dei dioscuri del Partito del Sud. Scrive Lauria: "L'ultimo sfregio glielo ha riservato Raffaele Lombardo, in un fuori onda trasmesso da Report: 'State tranquilli che il consorzio autostrade, con la nuova gestione Zapparrata, non darà più un incarico a Bevilacqua'". L'amico (più di Bevilacqua) Gianfranco non avrebbe gradito. L'uscita presidenziale sul crepuscolo di Berlusconi ha fatto il resto.