Live Sicilia

Il pm Antonio Ingroia

"Riaprire Pianosa e l'Asinara", così
Sandokan e Graviano non si incontrano


Articolo letto 1.036 volte

VOTA
0/5
0 voti

41 bis, asinara, graviano, ingroia, Linosa, sandokan, Cronaca
"Se l'antimafia fallisce nei suoi obiettivi primari per motivi di spazio non c'è da perdere altro tempo. Bisogna chiedere con forza degli interventi. Non penso a cose particolari, che necessitino una pronuncia legislativa. Basterebbe un provvedimento amministrativo. Penso alla riapertura delle supercarceri di Pianosa e dell'Asinara, che negli anni scorsi hanno garantito il massimo della sicurezza e l'effettività del 41 bis. Già lo stesso ministro della Giustizia aveva prospettato questa eventualità, poi per varie ragioni politiche non si e' potuta realizzare". Il procuratore aggiunto alla Dda, Antonio Ingroia, dice a "Repubblica" come si potrebbe fare in modo che non riaccada quanto scoperto dallo stesso giornale e pubblicato ieri: i colloqui nell'ora d'aria fra Giuseppe Graviano e Francesco Schiavone. "Madre natura" e "Sandokan", due boss di primissimo ordine.

"Il carcere duro non ha una funzione penalizzante per il detenuto - continua Ingroia - ma ha solo lo scopo di impedire che il mafioso possa continuare ad essere tale. E questo obiettivo si realizza evitando di fargli pianificare affari e strategie. Ovvero impedendogli di comunicare all'esterno. Oggi è necessario considerare qualcosa di più insidioso - conclude il magistrato - il sistema mafioso integrato. Cosa nostra, 'ndrangheta e camorra fanno affari insieme. Ecco perché gli incontri in carcere fra esponenti di organizzazioni criminali diverse sono davvero pericolosi".