Live Sicilia

"Rapporti con Liga solo per Mcl"

Il governatore: "La Regione parte civile"


Articolo letto 538 volte


architetto, giuseppe liga, raffaele lombardo, regione siciliana, Politica
"Esprimo il mio sentito compiacimento ai magistrati e alla guardia di finanza che, a Palermo, lavorano all'indagine che ha portato all'arresto per associazione mafiosa dell'architetto Giuseppe Liga, conosciuto negli ambienti politici e istituzionali per la sua funzione di dirigente provinciale e regionale del Movimento cristiano lavoratori.

"La notizia di un suo coinvolgimento negli affari delle cosche che lo avrebbero portato a diventare addirittura il reggente di un mandamento mafioso, suscita un profondo sconcerto. E mi auguro che l'inchiesta chiarisca al piu' presto ogni aspetto della vicenda, individuando e stigmatizzando con chiarezza fatti e circostanze. Prendo atto che i vertici nazionali di Mcl sono prontamente intervenuti sospendendo Liga da ogni carica. Per parte mia preannuncio che mi costituiro' parte civile perche' l'Istituzione che rappresento non smettera' mai di contrastare la mafia e i suoi tentativi di riorganizzarsi, anche attraverso il ricorso a persone insospettabili".

"Un medico mio amico, undici anni fa, mi presento' il presidente nazionale del Movimento cristiano lavoratori, senatore Carlo Costalli. E da quel momento ho intrattenuto con i rappresentanti nazionali, regionali e locali di Mcl un rapporto di collaborazione istituzionale, tanto che ho partecipato a numerose riunioni e iniziative pubbliche del movimento, a Catania, Palermo, Roma e Bruxelles. "Ed e' quindi difficile accettare che l'immagine e le relazioni di un movimento che si occupa di questioni sociali, siano state usate come "paravento" da chi, in realta', avrebbe svolto un ruolo di rilievo in cosa nostra."