Live Sicilia

La reazione del sindaco

Cammarata: "Una farsa"


Articolo letto 495 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
"Una farsa di cui avevo precisi i contorni prima ancora che si svolgesse". Il sindaco di Palermo Diego Cammarata definisce così l'intervento di ieri in aula all'Ars del presidente della Regione Raffaele Lombardo. "E' la solita storia - spiega - a cui ci hanno abituato ormai da anni i finti rivoluzionari, purtroppo anche nella lotta alla mafia, che è cosa seria invece e richiederebbe fatti seri e persone serie per affrontarla". Riferendosi all'annuncio del Governatore, che alla vigilia aveva promesso di fare "i nomi dei politici legati alla mafia", Cammarata dice: "Ero certo che almeno Russo e la Chinnici (i due assessori ex magistrati ndr) gli avevano ben spiegato che dei fatti di giustizia si parla davanti ai magistrati fornendo loro argomenti e spiegando anche le origini della conoscenza di presunti fatti criminali". "Tutto il resto - prosegue - sarebbe stato teatro e teatro infatti è stato con Lombardo che ha recitato, in maniera pessima, una pessima parte. Ha persino tentato di emulare l'Orlando furioso di un tempo, senza neppure l'abili di una storia personale che potesse rendere credibile la recita. Non ci ha voluto risparmiare neppure il tormentone della presunta vittima di una rivoluzione annunciata e mai compiuta e della quale in Sicilia non c'é traccia tranne che nella capillare occupazione del potere da parte dei suoi uomini". Per il sindaco, infine, Lombardo "ha inscenato un attacco al ministro Alfano che ha piena consapevolezza invece dei suoi doveri e anche dei suoi poteri, dei quali fa un uso attento e rigoroso".