Live Sicilia

Il legale di Riina

"Non mi risultano richieste di grazia"


Articolo letto 495 volte

VOTA
0/5
0 voti

cianferoni, grazia, riina, Cronaca
"Non mi risulta che il mio cliente abbia chiesto, attraverso il cappellano del carcere in cui è detenuto, la grazia al ministro della Giustizia". Così l'avvocato Luca Cianferoni, difensore del boss Totò Riina ha commentato la notizia pubblicata dal Corriere della Sera secondo la quale il padrino di Corleone avrebbe affidato al sacerdote il compito di intercedere presso l'arcivescovo di Milano per un'eventuale richiesta di grazia. Ignara della vicenda anche la Procura di Palermo. "Non ne abbiamo notizia - dice il procuratore Messineo - e comunque la competenza per l'inoltro della domanda di grazia sarebbe della procura generale".