Live Sicilia

Pdl, la lettera aperta

"Berlusconi stia attento
a Scribi e Farisei"


Articolo letto 850 volte

Clima di tensione alle stelle all'interno del Pdl siciliano. Oggi una richiesta di intervento al ministro dell'economia Giulio tremonti da parte dei "lealisti" ha esacerbato ulteriormente gli animi tra le due fazioni contrapposte dei berluscones siciliani. Domani sarebbe in programma il faccia a faccia tra il Cavaliere e Gianfranco Miccichè per affrontare il caso Sicilia. Riceviamo e pubblichiamo a seguire una lettera aperta di Dore Misuraca, parlamentare del Pdl tra i fondatori del gruppo Pdl Sicilia


berlusconi, dore misuraca, pdl, sicilia, Politica
Clima di tensione alle stelle all'interno del Pdl siciliano. Oggi una richiesta di intervento al ministro dell'economia Giulio Tremonti da parte dei "lealisti" ha esacerbato ulteriormente gli animi tra le due fazioni contrapposte dei berluscones siciliani. Domani sarebbe in programma il faccia a faccia tra il Cavaliere e Gianfranco Miccichè per affrontare il caso Sicilia. Riceviamo e pubblichiamo a seguire una lettera aperta di Dore Misuraca, parlamentare del Pdl tra i fondatori del gruppo Pdl Sicilia




Nelle ultime settimane Gianfranco Miccichè ha più volte ribadito una posizione condivisibile: non intende lasciare il Pdl e continuerà a sostenere il governo Lombardo. Alla vigilia dell'incontro tra Berlusconi e lo stesso Miccichè è bene chiarire che, in Sicilia, all'insegna dell'ipocrisia, c'è chi intanto lavora per accompagnare Miccichè fuori dal Pdl e per fare cadere il governo regionale democraticamente eletto dai siciliani.

In questa delicata fase della vita politica siciliana dovremmo, invece, lavorare tutti per l'unità del centrodestra e per il rispetto della volontà popolare, evitando frazionismi e, soprattutto, atteggiamenti tipici di Scribi e Farisei.

Ricordo che San Matteo, rivolgendosi agli Scribi e ai Farisei, li definisce sepolcri imbiancati, perché al di fuori appaiono belli, ma dentro sono pieni di ipocrisia e di iniquità.

E' il caso di qualche autorevole esponente del Pdl che, lungi dal lavorare per l'unità del partito in Sicilia, si prodiga in contorcimenti glottologico-politici invitando ingenerosamente Miccichè a uscire fuori dal Pdl e a fondare il Partito del Sud, con buona pace dell'unità dello stesso Pdl.

E che differenza c'è tra quei parlamentari nazionali del Pdl e i sepolcri imbiancati descritti da San Matteo? Come possono questi parlamentari affermare soltanto oggi che i conti economici della Regione sono falsi, invocando, addirittura, con un'interpellanza barocca, l'intervento del ministro dell'Economia, Tremonti?

Invece di continuare a demolire, sarebbe preferibile, come alcuni di noi stanno facendo, chiedere un'azione di rigore al governo regionale, contenendo le spese improduttive, liberando risorse per lo sviluppo, lavorando per la semplificazione amministrativa e per tutte quelle altre riforme che cambino veramente il volto della Regione siciliana.

Tra i Farisei, però, non inseriamo il coordinatore regionale del Pdl, che almeno ha il dono della verità negativa. Lui, infatti, il partito lo vuole spaccare alla luce del sole con i suoi aut aut. Con il suo oltranzismo, cerca soltanto di approfondire le ragioni delle divisioni e dello scontro. Con il risultato o di spingere l'attuale governo tra le braccia del centrosinistra, o, peggio ancora, di far tornare i siciliani alle urne. Era preferibile lo stesso co-cordinatore del Pdl siciliano di qualche settimana fa, che parlava di unità del partito, sollecitando tutto il Pdl ad entrare a far parte della giunta Lombardo.

Il mio auspicio è che gli amici del Pdl non si comportino come quegli Scribi e Farisei che, come ci ricorda sempre San Matteo, "dicono e non fanno". A questo punto è più che mai opportuno guardare senza ipocrisia alla verità. E la verità è che l'unità del nostro partito è la vera soluzione politica per la Sicilia. Lo è per il Pdl dell'Isola e, a maggior ragione, per la maggioranza di centrodestra che ha dato vita al governo Lombardo. Per raggiungere questo obiettivo dobbiamo essere tutti disposti a fare un passo indietro.