Live Sicilia

Il capogruppo dell'Udc all'Ars, Rudy Maira

"La Finanziaria banco di prova
della maggioranza allargata al Pd"


Articolo letto 493 volte

VOTA
0/5
0 voti

finanziaria sicilia, maira, udc, Politica
“Abbiamo avuto ragione evidenziando per tempo le carenze della manovra di bilancio”. Quello che rivendica Rudy Maira, presidente del gruppo parlamentare Udc all’Ars, è un successo politico del suo partito, viste le obiezioni che il commissario dello Stato Michele Lepri Gallerano ha apposto su ventisette articoli della Finanziaria regionale rilasciata da Sala delle Aquile meno di due settimane fa. E a margine della conferenza stampa, il centrista non glissa sul rimpallo di notizie che stamattina hanno riguardato le sorti giudiziarie di Raffaele Lombardo, assicurando però il suo spirito garantista sulla vicenda.

“Il commissario dello Stato ha salvato la Sicilia da un disastro economico e finanziario”. A Maira preme poi sottolineare una valutazione, a proposito della sforbiciata operata da Lepri sul testo della manovra: “Non si può minimizzare dicendo che siano stati colpiti nella sostanza solo degli articoli marginali”. Il perché, a detta del capogruppo, è da riferire a una motivazione che da tecnica diventa politica: “Lo strumento della Finanziaria era stato usato a scopi politici, come banco di prova di una nuova maggioranza allargata al centro-sinistra. Il Pd aveva infatti posto una grossa ipoteca sul testo, imponendo delle scelte molto forti”.

Gli articoli cassati, dal testo di una Finanziaria, approvata all'Ars senza le parti impugnate, che secondo Maira vale sottolineare sono quelli sul credito d’imposta e sulla ri-pubblicizzazione dell’acqua. “Ma l’importante – insiste il rappresentante Udc – è che sia stato bocciato tutto il pacchetto di articoli che prevdeva un aumento delle tasse”.

Infine sulle notizie, poi smentite dalla Procura di Catania, in merito ad una imminente richiesta di carcerazione preventiva per il presidente della Regione Lombardo, Maira è cauto: “Faremmo bene tutti a parlare poco, anche perché la politica non può essere condizionata da notizie che poi vengono smentite”. Comunque aggiungendo: “Mi auguro che la legislatura non venga interrotta per motivi giudiziari – dice Maira -, ma Lombardo deve rinsavire, e riavviare il dialogo con quelle forza politiche che hanno contribuito ad eleggerlo”.