Live Sicilia

La chat con Lupo su Livesicilia

"Elezioni se la situazione
dovesse precipitare"


Articolo letto 448 volte

Giuseppe Lupo, intervistato da Salvo Toscano, è stato in chat con i lettori di Livesicilia. Ecco una sintesi, capitolo per capitolo, degli argomenti trattati dal segretario siciliano del Pd. Un vasto campionario dei temi "scottanti" della cronaca politica.

VOTA
0/5
0 voti

, Politica

Giuseppe Lupo



Giuseppe Lupo, intervistato da Salvo Toscano, è stato in chat con i lettori di Livesicilia. Ecco una sintesi, capitolo per capitolo, degli argomenti trattati dal segretario siciliano del Pd. Un vasto campionario dei temi "scottanti" della cronaca politica.

Finanziaria e Pd
"Non c'è nessuna spaccatura nel Pd che dal congresso in poi è stato un partito convergente e unito. Nella Finanziaria molte norme fanno parte del patrimonio del Pd: l'acqua pubblica, le zone franche urbane sono nostre battaglie. Incalzeremo il governo su questi punti. Siamo contenti della norma sulle attività extrascolastiche per le aree disagiate. Le scuole resteranno aperte col servizio mensa, anche nel pomeriggio per combattere la piaga della dispersione scolastica. Come è importante la norma per l'abolizione del ticket sulla diagnoastica dal 2011 per i meno abbienti. Sono i successi del Pd. Per questo abbiamo votato la Finanziaria, che non è un voto di fiducia a Lombardo, voto che non abbiamo mai espresso".

Lombardo e l'inchiesta
Domanda sulle vicende giudiziarie del presidente e sulla richiesta di arresto poi smentita dalla Procura
: "Se si arrivasse a tanto la situazione preciterebbe e si tornerebbe al voto. Anche nel caso di un rinvio giudiziario. Non anticipiamo il giudizio della magistratura, ma non possiamo consentire che la Sicilia si ritrovi a vivere una brutta esperienza come con il governo Cuffaro, nell'attesa di una sentenza. Abbiamo bisogno di avere certezze sul piano istituzionale. Speriamo che la magistratura faccia bene nei tempi brevi".

Il Pd in giunta
"Mai si è ipotizzato l'ingresso in giunta nei nostro dibattiti o nei nostri documenti. Il Pd non ha mai chiesto di entrare in giunta o di fare parte della maggioranza. Le elezioni anticipate con la crisi non servono. Abbiamo messo in campo le nostre proposte per essere utili, idee tradotte in legge dalla Finanziaria. Sulla prospettiva politica avvieremo una consultazione della base. Ma non riguarderà il sì o il no alla giunta Lombardo. Non è argomento che ci interessi. Noi non dobbiamo dare un sostegno al governo Lombardo, ma ai veri problemi della Sicilia, ai problemi della gente. Io ho espresso un giudizio critico sul governo Lombardo, che noi, complessivamente, abbiamo valutato inadeguato".

Il possibile voto anticipato e gli scenari
"Nel caso si andasse al voto anticipato, noi dovremmo costruire l'alternativa al centrodestra che ha governato malissimo. Abbiamo indici di sottosviluppo spaventosi. Ed è frutto dell'opera degli uomini di Berlusconi. Dobbiamo dare risposte concrete ai bisogni di questa terra. Noi ripartiamo dal centrosinistra, è il nostro ambito. Abbiamo un dialogo aperto con i partiti di centro. Spero che questo possa contribuire al successo contro la destra, pure a livello nazionale. Allargamenti? Sì, ma partendo dal centrosinistra per determinare una svolta. L'Udc ha governato male per molti anni. Deve scegliere cosa fare in questa Regione, deve abbracciare una scelta di cambiamento. Non condivido i governi di salute pubblica. Noi dobbiamo creare l'alternativa. Se fosse necessario andare alle elezioni anticipate, noi saremmo pronti".

L'unità del Pd
"Siamo un partito democratico. Si discute, si critica. Ma intorno alle scelte importanti c'è la condivisione. Guardiamo in casa d'altri, non c'è altrettanta serenità. In Sicilia il Pdl è diviso. A livello nazionale c'è uno scontro istituzionale molto forte tra Berlusconi e Fini. Fare il segretario del Pd è stato fin qui difficile ed esaltante, è un periodo complesso da affrontare, ho la responsabilità di fare del mio meglio e di proporre una buona politica".