Live Sicilia

Lombardo dai magistrati

La "denuncia" del presidente
e l'affare dei termovalorizzatori


Articolo letto 669 volte

VOTA
0/5
0 voti

raffaele lombardo, termovalorizzatori, Politica
 E' terminato ieri sera l'interrogatorio come "persona informata dei fatti" affrontato dal presidente della Regione in Procura a Palermo: Raffaele Lombardo è stato sentito per un paio d'ore sui termovalorizzatori. L'audizione, prevista per oggi pomeriggio, è stata anticipata ieri su richiesta dello stesso governatore, che si è presentato dai pm Leonardo Agueci e Nino Di Matteo. Il presidente ha chiarito alcuni punti dell'esposto presentato in marzo dall'assessore all'Energia del suo governo, Pier Carmelo Russo.

L'inchiesta
La lunga storia dei termovalorizzatori siciliani, finiti sotto inchiesta prima ancora di essere realizzati, potrebbe essere scritta nell'enorme mole di documenti sequestrati ieri dalla Guardia di Finanza. Centinaia di pagine acquisite dalle Fiamme Gialle negli archivi delle società che si aggiudicarono la gara per la costruzione - poi annullata dalla Corte di Giustizia Europea - che potrebbero rivelare un accordo spartitorio tra imprenditori interessati ad accaparrarsi i lavori, presunte infiltrazioni mafiose e funzionari pubblici compiacenti pronti a chiudere un occhio in cambio di tangenti. Un affare di 4 miliardi di euro stoppato da una sentenza che, nel 2007, bocciò la gara per difetto di publicizzazione. Ma secondo i pm della dda di Palermo Nino Di Matteo e Sergio De Montis che hanno aperto l'inchiesta nella vicenda ci sarebbe ben altro che vizi di forma. La vicenda dei termovalorizzatori emerge in diverse inchieste: quella per concorso esterno in associazione mafiosa a carico dell'ex governatore siciliano Salvatore Cuffaro; quella sul progetto di realizzazione dell'inceneritore di Bellolampo. Spunti investigativi messi insieme dai pm dopo la presentazione in Procura di un dossier sugli impianti da parte dell'assessore regionale all'Energia Piercarmelo Russo, più volte sentito dai magistrati. Come il governatore siciliano Raffaele Lombardo che ieri si è presentato al palazzo di giustizia per parlare, come persona informata sui fatti, di una vicenda da lui stesso denunciata pubblicamente davanti all'Assemblea Regionale Siciliana e alla Commissione parlamentare sui Rifiuti. Il dossier del governo regionale, dunque, è l'ultimo campanello d'allarme che induce i pm a disporre un'indagine generale su tutti e quattro gli impianti. E per far luce sul business incompiuto, definito da Lombardo ''l'affare del secolo'', la Procura ha delegato alla Finanza la perquisizione delle sedi di tutte le associazioni temporanee di impresa vincitrici della gara, delle società consortili e dell'Arra, l'agenzia regionale dei rifiuti e delle acque che fu l'ente appaltante.
L'ipotesi investigativa è quella di un accordo di cartello tra le quattro Ati aggiudicatarie che, con la compiacenza di funzionari pubblici a cui sarebbero andate tangenti, si sarebbero spartite a tavolino i lavori e poi, dopo la bocciatura europea, avrebbero fatto andare deserte le gare successive per indurre la Regione ad abbandonare la strada del bando pubblico. Un'intesa, quella ipotizzata, che risalirebbe a prima del 2002 quando, attraverso l'Arra, la Regione bandì la gara. Della vicenda si occuparono l'ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro, in qualità di commissario straordinario dell'emergenza rifiuti, e il suo vice Felice Crosta. Ad aggiudicarsi l'appalto furono quattro raggruppamenti di imprese: la Pea di cui faceva parte la Safab, poi coinvolta in un'inchiesta di corruzione, la Platani Energia Ambiente, la Tifeo e la Sicil Power. Tre Ati erano capeggiate dal gruppo Falck e uno da Waste Italia. Diversi i punti da chiarire: dalla partecipazione alla gara di un'impresa, la Altecoen, priva di certificazione antimafia - la ditta venne estromessa, ma la gara proseguì -, alla costituzione delle ati in presenza dello stesso notaio. E ancora i criteri scelti per l'individuazione dei siti sui quali dovevano sorgere i termovalorizzatori: Palermo, Casteltermini, Augusta e Paternò. Aree individuate, su previsione del bando, dalle stesse ditte che avevano presentato le offerte teoricamente al buio senza la minima sovrapposizione territoriale. La gara fu però annullata dalla Corte di Giustizia Europea che contestò il mancato rispetto della procedura di evidenza pubblica imposta dalla direttive europee. Le due successive bandite l'anno scorso sono andate deserte.

Fonte Ansa