Live Sicilia

Regione

Infornata di nuove nomine
per le società partecipate


Articolo letto 1.086 volte

VOTA
0/5
0 voti

dirigenti, nomine, partecipate, Cronaca
I venti di crisi delle ultime settimane non fermano lo spoil system del governo regionale. Che mette mano in questi giorni alla pratica delle società partecipate, destinate peraltro a una piccola rivoluzione alla luce delle norme approvate nella Finanziaria regionale. In attesa di semplificare, razionalizzare e ridurre il numero delle società che in tutto o in parte le appartengono, mamma Regione si produce intanto in nuove nomine. È il caso di Sviluppo Italia Sicilia, ex branca dell'azienda del Tesoro oggi di proprietà della Regione, nella quale il governo Lombardo si appresterebbe a inserire nomi nuovi e di sicura fede autonomista. Come quelli di Marco Belluardo, uno degli assessori comunali Mpa di Catania sacrificati dal sindaco Raffaele Stancanelli che ieri ha battezzato una nuova giunta tutta di tecnici. Belluardo, che è anche presidente provinciale del Movimento cristiano lavoratori, sarebbe in predicato di divenire il nuovo presidente della società. Che come amministratore dovrebbe mantenere Vincenzo Paradiso, da otto anni al timone di Sviluppo Italia Sicilia. Le altre due nomine nel cda riguarderebbero Gianluca Galati, il giovane avvocato recentemente nominato capo di gabinetto della Presidenza della Regione, e Renato Marino. Il puzzle è abbastanza completo ma il passaggio non è stato ancora oggetto di comunicazioni ufficiali. Il governo avrebbe messo mano secondo indiscrezioni anche su Italia lavoro Sicilia. Pietro Rao dell'Mpa sarebbe confermato presidente, ma ci sarebbero delle new entries per il cda, come Pietro Vazzana, consigliere provinciale del Pdl miccicheiano, e Nino Santagati, ex sindaco Mpa di Motta Sant'Anastasia. Anche su questo fronte si attendono comunicazioni ufficiali.