Live Sicilia

Intimidazioni a Lari, Lo Bello e Montante

La solidarietà di Alfano, Lombardo e Unioncamere


Articolo letto 599 volte

VOTA
0/5
0 voti

angelino alfano, intimidazione, lari, lo bello, mafia, montante, Politica
Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, esprime "piena vicinanza" al procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, al presidente di Confindustria Sicilia Ivan Lo bello e al presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta Antonello Montante, destinatari di alcune buste contenenti proiettili. Il Guardasigilli, in una nota, esprime solidarietà a Lari, Lo Bello e Montante per "l'inquietante intimidazione che li ha visti, loro malgrado, protagonisti, nella certezza che il loro impegno ne riuscirà rafforzato e che - nello svolgimento puntuale del proprio ruolo - contribuiranno con la determinazione e il coraggio di sempre alle strategie di lotta a tutte le mafie". Nell'occasione, il ministro Alfano ribadisce il suo sostegno a "tutti i rappresentati delle istituzioni e della società civile, tasselli essenziali della squadra Stato, che combattono ogni giorno in prima linea il crimine organizzato".

"Compiere il proprio il dovere con serietà e coscienza è il primo e fondamentale passo per liberare la Sicilia dalla piaga mafiosa. E uomini come Sergio Lari, Ivan Lo Bello e Antonello Montante sono minacciati per evitare che continuino a fare il loro dovere. A loro va la solidarietà dell'intera giunta di governo della Regione siciliana e mia personale". Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, aggiungendo la sua solidarietà a quella del Guardasigilli.

"Un grave gesto intimidatorio che tenta di fermare chi, con il proprio lavoro, ha deciso di sposare un percorso di legalità". Così Giuseppe Pace e Alessandro Alfano, rispettivamente presidente e segretario generale di Unioncamere Sicilia, hanno espresso la loro solidarietà Lari, Lo Bello e Montante. "È un fatto gravissimo - ha aggiunto Pace - che però dimostra come che le istituzioni e le associazioni delle imprese stanno colpendo dritto al cuore dell’illegalità". "La Sicilia – ha detto Alfano – ha bisogno di persone così. Per questo dico a Lari, Lo Bello e Montante di non farsi scoraggiare da queste vili intimidazioni e di proseguire il percorso che porterà la nostra Isola verso il riscatto. In questa battaglia - conclude Alfano - non saranno soli: il mondo delle imprese gli è vicino".