Live Sicilia

Parola di Ignazio La Russa

"Miccichè sottovalutato
Ma poi ha sbagliato lui"


Articolo letto 586 volte


ignazio la russa, micciché, pdl sicilia, Politica
"I problemi seri nel Pdl in Sicilia sono stati commessi quando Forza Italia e Alleanza nazionale erano ancora separati: nel momento della scelta all'interno di FI c'è stata, forse, scarsa attenzione al ruolo di Gianfranco Micciché". E' la valutazione espressa sulla situazione del Pdl nell'isola dal ministro alla Difesa e coordinatore nazionale del partito, Ignazio La Russa, che si "assume tutta la responsabilità di questa affermazione". "Dopo - ha aggiunto La Russa - gli errori sono stati più di Micciché ma l'origine della vicenda è questa. Secondo me non gli sono stati riservati né un certo ruolo di partito né di governo, e questo l'ho detto anche ad Angelino Alfano che è un mio grande amico. Dopo però gli errori maggiori li ha commessi Micciché. E' una mia valutazione personale, e può darsi che sbaglio...".

Il ministro della Difesa è intervenuto a Catania a una conferenza stampa per dare appoggio al lavoro del sindaco Stancanelli che di recente ha nominato una nuova giunta composta solo da 'tecnici',inevitabile non chiedergli un parere sulla situazione politica siciliana. "Il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, fa la sua partita e come tutti i governatori gioca un po' troppo a interferire nella vita interna dei partiti che fanno parte dell'alleanza. Certo la situazione politica nell'isola si è un po' incancrenita. Noi - ha aggiunto La Russa - non stiamo lavorando perché il voto sia la soluzione all'attuale problema. Questo lo smentisco nella maniera più categorica".

La Russa ha anche parlato delle vicende giudiziarie che riguardano il governatore siciliano. "Io penso che il governatore della Sicilia potrà dimostrare la sua estraneità - ha concluso La Russa - e fino a questo momento dell'inchiesta io considero il presidente Lombardo completamente innocente, come dice la Costituzione".