Live Sicilia

PALERMO

"Scarsa prevenzione per le patologie del rene"


Articolo letto 572 volte

VOTA
0/5
0 voti

rene, sanità, trapianti, Le brevi
"Si fa poca prevenzione, è carente la cura e l'assistenza domiciliare e manca l'integrazione reale tra i nefrologi e i medici di medicina generale. Tutto questo comporta costi eccessivi per il sistema regionale sanitario e notevoli sacrifici per i cittadini". Lo dice Vito Sparacino, direttore dell'Unità operativa complessa di nefrologia dell'Arnas Civico di Palermo e direttore del centro regionale trapianti della Regione Siciliana". "Ci sono 5 mila siciliani in dialisi - continua - e 200 mila affetti da malattie renali. Numeri che si potrebbero abbattere se si lavorasse più con i servizi territoriali e se nefrologi, cardiologi e diabetologi lavorassero in team. Invece si procede solo con dialisi, trapianti e qualche cura ospedaliera".