Grazie alle prodezze di Totò Schillaci, vent'anni fa i Mondiali di calcio "profumarono" di Sicilia