Live Sicilia

L'appello dei carabinieri alle vittime

Stalking sul luogo di lavoro,
un arresto a Palermo


Articolo letto 479 volte

VOTA
0/5
0 voti

palermo, stalking, Cronaca
Tutto era cominciato come un normale rapporto fra colleghi di lavoro. Due chiacchiere, qualche messaggino, fino a quando lui, D.C.C., 41 anni di Palermo, non ha deciso che lei sarebbe stata la sua donna. Cominciano così insistenti telefonate, sms a ripetizione, minacce, ingiurie: tutto per attrarre la sua attenzione. La donna, esausta, informa i suoi superiori che, per evitare problemi, trasferiscono l'uomo a un altro ufficio. Ma lui continua a perseguitarla e la donna, allora, decide di denunciare tutto ai carabinieri. Le indagini dei militari hanno dimostrato lo stato di soggezione e paura della donna e hanno indotto l'autorità giudiziaria a emettere un'ordinanza restrittiva: il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima.

Ma, nonostante ciò, l'uomo non demorde e continua a minacciarla telefonicamente, fino a presentarsi sul posto di lavoro della donna. Avvertiti i carabinieri, scatta la caccia all'uomo. D.C.C. così è stato arrestato in flagranza per violazione delle prescrizioni della misura cautelare. Processato per direttissima, l'arresto è stato convalidato con pensa sospesa e l'uomo è stato rimesso in libertà.

"Gli stalkers, suddivisi in varie tipologie in base ai bisogni ed ai desideri che fanno da motore motivazionale, creano varie forme di pressione psicologica ai danni delle vittime, al fine di ottenere un contatto con le stesse anche attraverso comportamenti di molestia" scrivono i carabinieri in una nota invitando chi è vittima di questo reato a denunciare i loro persecutori.