Live Sicilia

Da ieri all'ex deposito locomotive

"Fabrizio De Andrè. La mostra"
Il genio di Faber conquista Palermo


Articolo letto 2.241 volte

VOTA
0/5
0 voti

deposito delle locomotive, fabrizio de andrè, mostra, palermo, sant'erasmo, sicilia, Cultura e Spettacolo
Era l'8 novembre del 1997. Fabrizio De Andrè incantò il pubblico siciliano portando sul palco del teatro Al Massimo di Palermo il tour dal titolo “Mi innamoravo di tutto”, un concerto che rimase memorabile.  Fu l'ultima volta del cantautore genovese a Palermo.  Sono trascorsi tredici anni da quella sera e undici dalla sua scomparsa, adesso, dopo Genova, Nuoro e Roma, anche Palermo vuole rendere omaggio ad uno degli artisti più completi del Novecento.
Dal 25 giugno al 10 ottobre, all'ex Deposito locomotive Sant'Erasmo, si potrà visitare “Fabrizio De Andrè. La mostra”, curata da Vittorio Bo, Guido Harari, Vincenzo Mollica e Pepi Morgia e ideata da Studio Azzurro - uno dei più prestigiosi gruppi internazionali di videoarte - che ne racconta la vita, la musica, le passioni che lo hanno reso unico e universale interprete e in alcuni casi anticipatore, dei mutamenti e delle trasformazioni della contemporaneità. Attraverso la narrazione virtuale, multimediale e interattiva viene proposta al pubblico un’esperienza emozionale, attraverso cui ognuno potrà mettersi in relazione con l’universo di “Faber”.
“L'idea di rendere omaggio a De Andrè l'ho trovata straordinaria. Non ero certo di riuscire a portare la mostra a Palermo, ma quando l'ho vista a Genova me ne sono perdutamente innamorato - dice Andrea Peria Giaconia, organizzatore dell'evento in Sicilia per Terzo Millennio – Progetti Artistici. Appena acquistata, ho pensato subito dove portarla, quale potesse essere il luogo migliore, il più bello, l'ex Deposito locomotive Sant'Erasmo.
La mostra di De Andrè – che apre gli appuntamenti de “Il Circuito del Mito 2010”, promosso dall'onorevole Nino Strano, assessore al Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana, che ha creduto molto in questa iniziativa - è un evento culturale che va vissuto in prima persona, esplorando ogni angolo dell'anima dell'artista. Lo spazio che la ospita – prosegue - deve avere un respiro internazionale e Sant'Erasmo, con quella volta di archeologia industriale, ha una sua identità ben definita che ricorda molto le grandi strutture delle città europee”.
Palermo, rispetto alle tappe precedenti, ha adattato la mostra al luogo. Le sezioni, infatti, da cinque, sala della Poetica, della Musica, dei Tarocchi, della Vita e del Cinema, sono diventate sei con la sala del Pianoforte, la più intima, quella dello studio e dell'ispirazione, ma anche quella degli affetti, con le foto che lo ritraggono ancora bambino.
L'altra novità della mostra siciliana è legata all'ampiezza della sala dei Tarocchi. Il visitatore, dopo avere percorso una sorta di tunnel della memoria, attraverso luoghi ovattati, ambienti chiusi e insonorizzati per permettere una migliore fruizione della mostra musicale, si ritrova in una vera e propria agorà. Ed è un vero spettacolo. Il soffitto di Sant'Erasmo è popolato da enormi tarocchi che costellano l'arcata come se fossero delle stelle, ed è qui che i visitatori entrano in contatto con i personaggi inventati e cantati da De Andrè: Bocca di rosa, Carlo Martello, il giudice, Marinella, il pescatore e altri ancora. Tre tarocchi virtuali sono invece posizionati al centro della piazza, un trittico animato, che cambia a seconda della canzone con la quale il visitatore si è messo in relazione. Siamo al centro del percorso: nel cuore della mostra. In questa sala si potrà sostare, discutere, ascoltare, confrontarsi e personalizzare il proprio tarocco.

In occasione dell'evento dedicato al poeta genovese, Terzo Millennio ha anche deciso di inaugurare “Sant'Erasmo Stazione d'arte”, uno spazio di design, che si trova nell'area esterna all'ex Deposito, una ricostruzione in chiave moderna dell'antico bar della stazione ferroviaria.
La Stazione d'arte con pavimento in ferro, arredata in maniera minimalista e arricchita da divani e tavoli in rigoroso bianco e nero, diventa così un luogo d'approdo dal quale ripartire. Ripartire con l'arte e la cultura. Nei prossimi giorni sarà, infatti, presentato un calendario di appuntamenti legato alla mostra con presentazioni di libri, incontri con autori, concerti e istallazioni. Accanto a “Sant'Erasmo Stazione d'arte” anche un bookshop dove si potranno trovare libri, dischi, manifesti e il catalogo della mostra, pubblicato da SilvanaEditoriale.
La mostra è promossa dalla Fondazione De Andrè onlus e da Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura.
“Fabrizio De Andrè. La mostra” resterà aperta da venerdì 25 giugno a domenica 10 ottobre.

Orari: da martedì a domenica – ore 10.00/13.00 – ore 16.00/23.00 – lunedì chiuso
Biglietti: intero euro 8.00 – ridotto per studenti universitari, over 65 euro e titolari di carta Idea Net euro 6.00 – ridotto scuole euro 3.50