Live Sicilia

La cattura di Falsone

Il procuratore Messineo su Falsone:
"La sua era una latitanza atipica"


Articolo letto 545 volte

VOTA
0/5
0 voti

giuseppe falsone, mafia, messineo, palermo, Cronaca
"La latitanza di Falsone è atipica perchè il boss non è stato catturato in un luogo modesto e coltivando abitudini modeste, tra cicoria e ricotta, per intenderci. Ma era andato a Marsiglia dove si era portato documenti e progettava eventualmente delle attività". Così il procuratore di Palermo Francesco Messineo intervenuto alla conferenza stampa per la cattura del superlatitante agrigentino Giuseppe Falsone, arrestato ieri sera a Marsiglia. "Questo dimostra anche che l'attività investigativa oggi impedisca ai mafiosi di nascondersi e lavorare indisturbati e prefigura una svolta alla quale siamo preparati: quella dei latitanti di recarsi sempre più all'estero. Un vantaggio, ma anche uno svantaggio, perche' il latitante non può godere della rete di protezione locale".