Live Sicilia

Speciale stragi e memoria

Vorremmo la verità
(se non è troppo disturbo)


Articolo letto 611 volte

VOTA
0/5
0 voti

93, agenda rossa, borsellino, stragi, ustica, Cronaca
Ci sono persone che hanno seppellito altre persone che amavano. E aspettano di sapere perché. La verità non elimina il dolore, non lo rende meno agro. Almeno porta una consapevolezza, una spiegazione che è riposo, se non sollievo. Questo non si capisce e non si è mai capito nel paese che pensa ai vivi, tanto i morti sono morti. E ha codificato l'andazzo in un proverbio.  Invece dovremme pensare ai morti, per badare alla salute dei vivi che ai cadaveri e agli interrogativi sono rimasti appesi, in un infernale gioco dell'oca con le caselle al contrario, in un nascondino che incrudelisce il lutto.

Dovremmo alzarci ogni mattina, da cittadini in piedi,  con la nevrosi, con l'idea fissa di Ustica, dell'agenda rossa di Paolo Borsellino, delle stragi del '93. Dovemmo impedirci di trovare ristoro, con le nubi dei misteri sempre dense e mai attraversate se non da radi riflessi di verosimiglianza. Tiriamo avanti, acefali e senza cuore, come se il dramma di altri - italiani e siciliani come noi - non ci riguardasse. Come se ogni vicenda fosse un filamento a parte. A chi tocca è toccata. I morti sono morti e noi siamo vivi. E' il destino, bellezza.

Un'ignavia su cui contano le menti raffinatissime di oggi e di ieri. Hanno costruito progetti sull'omertà delle pecore, sulle nostre assuefazioni al non voler sapere. Sì, qualche anniversario ribollisce, saltuariamente e senza che si sappia perché, di indignazione particolare. Ma poi tutto si quieta. Sì, ogni tanto si alza in piedi un signore anzianotto che di mestiere fa il presidente della Repubblica e strepita. Ma poi si ri-siede per un anno. Sì, ogni tanto incrociamo lacrime che ci turbano. Ma poi c'è da discutere sulla nazionale, su Prandelli che deve rifondare il calcio, come se un futuro digiuno di vittorie calcistiche fosse l'argomento all'ordine del giorno delle nostre inquietudini.

Intanto le voci diventano più flebili, inudibili. E noi stessi camminiamo senza scopo né sentieri alle spalle. Quello che conta è il passo che imprime l'impronta qui e ora. Contano la pentola e la tv.  Per le altre incombenze, ci sono gli storici e sognatori e che facciano il loro dannato mestiere! Spetta a loro parlarci di ieri e domani.
Noi di Livesicilia, oggi, nel giorno di Ustica,  abbiamo raccolto voci che non vogliono diventare silenzio. Marco Paolini, Salvatore Borsellino, Giovanna Chelli. E speriamo che non durino appena un attimo, che siano un po' più resistenti dei fiori scarlatti di sangue e memoria che lasciamo appassire senz'acqua né amore  sul nostro balcone.