Live Sicilia

30° anniversario

Ustica, la cultura per sublimare
il ricordo della strage


Articolo letto 655 volte

VOTA
0/5
0 voti

commemorazione, sicilia, ustica, Zapping
Anche la Regione siciliana ed il Comune di Ustica tra le istituzioni che portano la loro testimonianza di memoria e solidarietà, a trent'anni dalla strage di Ustica che, tra le 81 vittime, ha visto morire uomini, donne e bambini di Sicilia.

L'associazione dei familiari delle vittime della tragedia ha voluto che, quest'anno, la memoria portasse con sé un forte significato: il calendario delle manifestazioni del trentesimo anniversario, affida infatti alla cultura - in ogni sua forma - il compito di sublimare il ricordo della strage, per superare la dimensione del dolore, della rabbia, della ricerca della verità e consegnarlo al patrimonio condiviso della memoria civile.

"Un percorso nobilissimo che la Regione siciliana ha subito condiviso e sostenuto con forza - afferma l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identita' siciliana, Gaetano Armao, che a Bologna rappresenta il governo siciliano -. Insieme al sindaco di Ustica, abbiamo aperto anche in Sicilia un 'cantiere culturale' che sta gia' progettando la realizzazione, proprio ad Ustica, di una installazione di arte moderna che sara' il punto di partenza per la nascita di un giardino della memoria siciliano, 'gemello' di quello realizzato a Bologna".

"Condividere l'arte, intenderla quale strumento di aggregazione ed identificazione, in un luogo dedicato alla memoria civile - dice l'assessore Armao - e' un'opzione culturale che la Regione siciliana ha fatto sua grazie alle sollecitazioni che sono giunte in occasione di questo trentennale che, non certo a caso, ha proposto come tema di discussione: l'arte, fiore della memoria.

"La memoria - continua Armao - e' l'essenza di un popolo. La realizzazione dell'installazione di Ustica, che sara' commissionata a breve, dovra' essere pronta entro il prossimo anniversario e potra' accedere ai finanziamenti europei gia' oggetto di bando.

"Sono certo che queste iniziative serviranno a legare in maniera inscindibile due comunita' come quella siciliana di Ustica e di Bologna. Due regioni, due luoghi, uniti da eventi tragici - purtroppo ancora oggi senza responsabili certi nonostante il troppo tempo trascorso - che devono, pero', aiutarci a trasformare un evento doloroso in occasione di vita nuova, di verita' e di sviluppo".