Live Sicilia

Cade l'aggravante dell'agevolazione mafiosa

Arresti domiciliari
per Sbeglia e Rizzacasa


Articolo letto 2.017 volte

VOTA
0/5
0 voti

Aedilia Venusta, appalti, arresti domiciliari, mafia, rizzacasa, sbeglia, Cronaca

Salvatore Sbeglia



Vincenzo Rizzacasa e Salvatore Sbeglia tornano a casa. Il gip Maria Pino ha respinto dalle accuse mosse ai due l'aggravante di aver agevolato l'associazione mafiosa e, quindi, il tribunale del riesame ha concesso gli arresti domiciliari. L'archietto Rizzacasa e il costruttore Sbeglia sono stati arrestati nell'ambito dell'ultima inchiesta della procura e della squadra mobile di Palermo su mafia e appalti. Le accuse sono riciclaggio ed interposizione fittizia di beni. Rizzacasa, nell'interrogatorio di garanzia sostenuto di fronte al gip, con l'avvocato Giuseppe Oddo, si è difeso giustificando anche la presenza di Salvatore Sbeglia nei cantieri della sua Aedilia Venusta, la società attraverso la quale - secondo gli inqurenti - avrebbe riciclato il denaro di Sbeglia, già condannato per associazione mafiosa e ritenuto, in passato, prestanome di Totò Riina e Raffaele Ganci, capomafia della Noce. Ancora non si conoscono le motivazioni che hanno indotto la decisione del gip, ma restano confermate le altre accuse.