Live Sicilia

Demopolis, in Sicilia la tv
è la prima fonte di informazione


Articolo letto 556 volte

VOTA
0/5
0 voti

mezzi informazione, sicilia, sondaggio demopolis, Zapping
La televisione si conferma in Sicilia la fonte primaria di informazione. Per oltre un quarto dei cittadini è l'unico strumento impiegato: una percentuale ben superiore rispetto a quelle riscontrabili, in media, negli altri Paesi dell'Unione Europea. Sono i dati che emergono dal Monitor continuativo sull'opinione pubblica, diretto da Pietro Vento e realizzato a giugno dall'Istituto Nazionale di Ricerche Demopolis. Ampia parte della popolazione siciliana entra dunque in rapporto con l'attualità, con il mondo, il Paese, la Regione solo attraverso il filtro della televisione. Il 40% legge o sfoglia un quotidiano (per lo più siciliano) o un settimanale, il 27% ascolta la radio. Accanto alla stampa tradizionale ed alla radio, altri "canali" hanno assunto negli ultimi anni un'importanza crescente, come fonti di informazione. La fruizione di Internet, per aggiornarsi sull'attualità, rimane in Sicilia sotto il 35%, con nette differenze generazionali: il 57% dei giovani tra i 18 ed i 34 anni, per informarsi, si affida alla Rete, ma la percentuale degli utenti si abbassa drasticamente sotto il 10% tra quanti hanno più di 60 anni. Così i telegiornali restano, ad oggi, secondo la ricerca dell'Istituto Demopolis, la principale fonte informativa per il 91% dei siciliani. L'unica per più di 1 siciliano su 4.