Live Sicilia

Ma Alfano lo difende: "Un magistrato serio"

Mantovano, esposto al Csm
contro il procuratore Lari

Giovedì 22 Luglio 2010 - 15:39
Articolo letto 898 volte

Condividi questo articolo

VOTA
0/5
0 voti
Un esposto al Csm "perché valuti l'opportunità di richiamare i magistrati al riserbo e del rispetto delle istituzioni". Lo ha annunciato il sottosegretario all'Interno e presidente della Commissione sui programmi di protezione, Alfredo Mantovano, dopo le critiche arrivate dalla procura di Caltanissetta in merito alla mancata ammissione del pentito Gaspare Spatuzza al programma di protezione. In un'intervista al Corriere della sera, il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, spiega che le critiche di due giorni fa del pm Domenico Gozzo "non si riferivano alla politica nel suo complesso, ma alla mancata concessione dello status di collaboratore a Gaspare Spatuzza. Forse ce l'ha con Mantovano?". Il sottosegretario replica ricordando che "la Commissione sui programmi di protezione, che presiedo, è composta, oltre che da me - unica figura con rilievo politico - da due magistrati e da cinque appartenenti a vario titolo alle forze di polizia e alla Dia, particolarmente specializzati nel contrasto alla criminalità mafiosa. I suoi provvedimenti sono motivati e sono sottoposti, se impugnati, al giudizio del Tar Lazio. Far coincidere quest'organo amministrativo con 'la politica' qualifica quindi non questa Commissione ministeriale, ma chi ha usato queste espressioni". Da esponente politico, invece, prosegue Mantovano, "resto sconcertato per la superficialità con cui magistrati impegnati nelle indagini sulle stragi producano 'battute rilasciate in fretta - sono parole del dottor Lari -, nella calca dei giornalisti che ti pressano', seguite da altrettanto improvvide correzioni di rotta, in cui, forse per distrarre l'attenzione dalle prime dichiarazioni, si polemizza con altri organi dello Stato. Avendo avuto per non pochi anni l'onore di svolgere il lavoro di magistrato, ricordo una stagione in cui i compianti predecessori di certi attuali pm dedicavano tutto il loro tempo all'accertamento della verità e non a costruire incidenti istituzionali".

Pochi minuti prima, invece, il ministro della Giustizia Alfano aveva espresso il proprio personale sostegno nei confronti del magistrato: "Ho grande stima - ha detto Alfano - del procuratore della Repubblica di Caltanissetta Lari, che è una persona seria, che non fa comizi per strada, che non cerca consenso politico e lavora per l'accertamento della verità. Il procuratore Lari - ha aggiunto Alfano - ha dichiarato che il lavoro che si sta svolgendo per accertare la verità sulla strage, un lavoro che noi sosteniamo fortemente, vede ovviamente esclusi Berlusconi ed i politici attuali. Si tratta di vicende del 1992. Questa affermazione del procuratore Lari per quanto ci riguarda chiarisce definitivamente la questione. Spero serva da monito -a tutti i magistrati - ha concluso il ministro - che invece di cercare la verità fanno sociologia. Se si vuol diventare sociologi possono laurearsi in sociologia e scrivere i libri, non fare i magistrati".
Ultima modifica: 23 Luglio 2010 ore 17:05



Segnala il commento