Live Sicilia

Polemica sui soccorsi

I passeggeri del volo Windjet:
"Dimenticati sulla pista sotto la pioggia"

Sabato 25 Settembre 2010 - 08:38
Articolo letto 605 volte

Condividi questo articolo

E' polemica sulle procedure di soccorso, mancate, ieri sera all'aeroporto Falcone e Borsellino, subito dopo il fuoripista dell'aereo Windjet proveniente da Roma. In base al racconto dei passeggeri, infatti, dopo essere scesi dal velivolo seguendo le procedure d'emergenza, dall'aerostazione non è arrivato nessun mezzo che li recuperasse da sotto l'aereo e li trasferisse all'interno della struttuta. Lasciati sotto la pioggia battente per circa un quarto d'ora, i viaggiatori hanno così attraversato a piedi le piste dello scalo palermitano per raggiungere l'interno dell'aeroporto, dove hanno ricevuto le prime cure. "E' un fatto gravissimo - ha raccontato un passeggero appena entrato in aerostazione -. Abbiamo camminato al buio, sotto l'acqua, e con gli aerei che partivano e decollavano. Pare che il personale dell'aeroporto non abbia capito subito cosa fosse realmente successo".

Sull'incidente, causato probabilmente da una improvvisa variazione del vento, la Procura di Palermo ha aparto un'inchiesta, così come l'Ansv, l'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo. Intanto però un'altra versione, fornita dai passeggeri a bordo dell'aereo, comincia a prendere peso: la rottura del carrello. Secondo alcuni viaggiatori infatti, dopo aver toccato terra, la parte anteriore del velivolo avrebbe ceduto, strisciando "a pancia in giù" per circa 700 metri, e solo la bravura del pilota avrebbe evitato la tragedia.
Ultima modifica: 25 Settembre 2010 ore 16:57



Segnala il commento