Live Sicilia

In ricordo di Libero Grassi

"Caro estortore ti scrivo..."


Articolo letto 1.287 volte

VOTA
0/5
0 voti

addiopizzo, libero grassi, Cronaca, Palermo
Il 10 gennaio 1991 scrisse una lettera al ''Giornale di Sicilia'' che cominciava cosi': ''Caro estortore...''. Il giorno dopo davanti la Sigma, la fabbrica di capi d'intimo di Libero Grassi, c'erano carabinieri, cameramen di televisioni e giornalisti. L'imprenditore consegno' a polizia e carabinieri 4 chiavi dell'azienda chiedendo loro protezione.

Grassi venne assassinato dal killer di mafia Salvino Madonia il 29 agosto 1991 per essersi opposto al pizzo e per aver denunciato con dovizia di particolari i propri estorsori. Venne anche lasciato solo, anzi criticato, dalle organizzazioni degli imprenditori.

Stamane a 20 anni da quel dirompente gesto di ribellione nella sede di Addiopizzo, in via Lincoln 131, a Palermo, e' proiettato in anteprima nazionale un film-documentario che ricorda il coraggio di Grassi, dal titolo ''Uomini della mafia, risparmiate i vostri soldi per i proiettili: non vi paghero' mai...'' realizzato dal romano Pietro Durante.

Alla proiezione del film erano presenti i familiari di Libero Grassi, i rappresentanti nazionali e locali di Confindustria, oltre che delle associazioni antiracket.