Live Sicilia

Finanziamenti alla moglie di Lombardo

Il coordinatore del Pdl Castiglione:
"Una decisione non morale"


Articolo letto 535 volte

VOTA
0/5
0 voti

castiglione, lombardo, palermo, regione, Politica
''Ora comprendiamo le ragioni per cui il presidente Lombardo voleva supervisionare gli atti predisposti dai singoli rami dell'amministrazione regionale: non certo per razionalizzare, non certo per dare unità d'indirizzo, ma per verificare direttamente il buon esito delle innumerevoli istanze presentate dal proprio coniuge''. Lo afferma il coordinatore siciliano del Pdl, Giuseppe Castiglione. ''E' morale - domanda Castiglione - che un presidente della Regione predisponga i criteri di selezione delle istanze, poi, attraverso i direttori regionali da lui nominati, stili la graduatoria finale e, infine, avuta la certezza del buon esito della familiare istanza, le approvi? Il mondo agricolo, dopo ritardi insostenibili, si ritrova con bandi che assicurano risorse ai soliti nomi noti. Anche in questo caso vogliamo pensare che il presidente non sapesse della istanza inoltrata dalla moglie, ma questa incomunicabilità familiare abbia presto a terminare. Chissà - conclude - se l'assessore alla Salute Massimo Russo, anche in questo caso, griderà al complotto mediatico nazionale ''.