Live Sicilia

L'inchiesta

Aumento delle ore di lavoro
Indagata la giunta comunale di Catania


Articolo letto 634 volte

VOTA
0/5
0 voti

Catania, raffaele stancanelli, Cronaca
Il sindaco e i componenti la giunta comunale di Catania che alla fine del 2008 deliberarono l'aumento delle ore lavorative da 24 a 35 settimanali per quasi quattrocento lavoratori sono indagati per falso ideologico e abuso d'ufficio. L'avviso di conclusione indagini, che riguarda anche dirigenti dell'ufficio del Personale e della Ragioneria che firmarono gli atti, è stato notificato da militari della guardia di finanza a tredici persone. Secondo le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Michelangelo Patané e dal sostituto Alessandra Chiavegatti, gli amministratori avrebbero favorito i dipendenti precari con un aumento illegittimo delle ore d'impiego causando un danno patrimoniale all'Ente di diversi milioni di euro.

La notizia, raccolta in ambienti giudiziari, è stata confermata all'ANSA dal sindaco Raffaele Stancanelli. "Gli atti deliberati dalla giunta - ha spiegato l'esponente del Pdl - sono stati adottati con la massima trasparenza e in sintonia con le organizzazioni sindacali, con cui preventivamente si è concordato l'incremento orario del personale mediante un protocollo d'intesa che è allegato ai provvedimenti. Abbiamo agito - ha osservato Stancanelli - nell'esclusivo interesse del Comune e dei precari che da oltre quindici anni prestano servizio nell'ente e il nostro comportamento limpido e trasparente è agevolmente riscontrabile, anche perché - ha concluso il sindaco di Catania - lo stesso percorso è stato seguito da numerose altre amministrazioni pubbliche dell'isola".