Live Sicilia

Pd, il delegato alle politiche sul territorio

Sergio D'Antoni con la Fiat
"Positiva la vittoria del sì"


Articolo letto 1.054 volte

VOTA
0/5
0 voti

cisl, fiat, mirafiori, pd, sergio d'antoni, termini imerese, Politica
''L'affermazione del sì al referendum di Mirafiori va salutata con ottimismo perché, in un contesto di dura crisi, apre ad investimenti che garantiscono il pieno mantenimento dei livelli occupazionali. Fiat non deve perdere tempo nella realizzazione di quanto promesso. Procedere con il piano significa onorare la responsabilità ed il coraggio di tutto il mondo del lavoro, che si è espresso a favore dell'accordo del 23 dicembre scorso''. Lo afferma Sergio D'Antoni, responsabile dell'organizzazione e delle politiche del Pd sul territorio, nonché ex leader della Cisl.

''Ora che i lavoratori hanno deciso - aggiunge - chi è rimasto fuori ne deve trarre le conclusioni ed aggiungere la propria firma. Mirafiori offre oggi l'opportunità di aprire una stagione di unità nel mondo del lavoro che consenta di far applicare integralmente l'accordo e di difenderee al meglio diritti del lavoratori. Comprendere questo vuol dire essere consapevoli che serve un'evoluzione nei rapporti industriali e sindacali nel solco di nuovi modelli partecipativi di democrazia economica''.

"Il Pd - sottolinea - deve elaborare una proposta che porti a un modello di piena e condivisa responsabilità e investa le forze sociali di una reale capacità decisionale sui processi di sviluppo. Di certo c'è che, di fronte a questi temi ed alle alte sfide che abbiamo di fronte, il governo non può continuare a fare lo spettatore''. ''Esca dal coma - conclude - se ne è capace, dia risposte concrete di politica industriale a cominciare da Termini Imerese''.