Live Sicilia

Operazione della Gdf

"Sono riconducibili a Messina Denaro"
Sequestrati beni per 22 milioni di euro


Articolo letto 2.859 volte

VOTA
0/5
0 voti

22 milioni di euro, beni, diabolik, messina denaro, sequestro, Cronaca
La Guardia di Finanza ha sequestrato beni per un valore complessivo di 22 milioni di euro intestate, o comunque riconducibili, ad alcune persone indicate dagli investigatori come "vicine" al boss latitante Matteo Messina Denaro. I presunti fiancheggiatori erano già stati raggiunti dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 9 giugno 2009, nell'ambito dell'operazione 'Golem'. Tra i reati contestati anche l'associazione mafiosa. Aziende, terreni, immobili e conti correnti sono stati sequestrati a Mario Messina Denaro, 59 anni, cugino del boss; Francesco Luppino, 55; Vito Angelo Barruzza, 47; Leonardo Bonafede, 79; Salvatore Dell'Aquila, 50; Franco Indelicato, 41; Leonardo Ferrante, 67. Secondo le indagini, ciascuno di loro avrebbe svolto un'attività di rilievo in seno alla famiglia mafiosa del trapanese, favorendo la latitanza di Matteo Messina Denaro e mantenendo un costante collegamento tra quest'ultimo con gli altri associati ancora in libertà e con altri boss che in quel momento erano latitanti, come Sandro e Salvatore Lo Piccolo.

Tra i beni sequestrati cinque immobili situati tra Castelvetrano (Tp) e Mendicino (Cs), un fabbricato industriale a Castelvetrano, tutti riconducibili a Mario Messina Denaro; quattro immobili e diversi terreni fra Castelvetrano e Partanna Trapani, riconducibili a Leonardo Ferrante; due immobili, di cui uno a destinazione industriale, ed un terreno, fra Castelvetrano e Campobello di Mazara (Tp), riconducibili a Francesco Luppino; un immobile e numerosi terreni a Campobello di Mazara, tutti riconducibili a Salvatore Dell'Aquila; due immobili e diversi terreni, tra Castelvetrano e Campobello di Mazara, riconducibili a Leonardo Bonafede; due appartamenti rispettivamente a Campobello di Mazara e Piacenza, riconducibili a Vito Angelo Barruzza; l'intero capitale sociale ed un complesso di beni di numerose ditte e società operanti nel territorio della provincia di Trapani, dedite soprattutto alla lavorazione e trasformazione di prodotti agricoli, tra cui la 'Fontane d'orò sas di Franco Indelicato e c., con sede a Campobello di Mazara; la 'Via Cavallotti 60', azienda operante nel settore della trasformazione di prodotti della molitura; la ditta 'Forte Benvenuta' di Castelvetrano, che si occupa della lavorazione e trasformazione di prodotti caseari; la 'Piccola societa' cooperativa arl Tractore market' di Partanna, operante nel settore della commercializzazione di mezzi agricoli; numerosi rapporti di conti corrente, depositi, libretti al portatore, in diversi istituti di credito ed uffici postali in tutta Italia.