Live Sicilia

Dal numero di “S” in edicola

“Messina Denaro è al Nord Italia”
Avvistato il superlatitante


Articolo letto 6.029 volte

VOTA
0/5
0 voti

latitanza, matteo messina denaro, nord italia, S
C'è chi lo ha visto seduto al tavolo di un ristorante irlandese. Chi passeggiare in un boulevard francese. Chi in una strada inglese. Altri giurano di averlo riconosciuto tra i passanti di un'affollata via nel Nord Italia. Matteo Messina Denaro negli ultimi mesi è stato avvistato in mezza Europa, Italia compresa. La taglia sul latitante di Castelvetrano dà i primi frutti: sono tantissimi quelli che hanno raccontato di averlo visto. In Italia, ma anche in mezza Europa.

La rivelazione arriva dal nuovo numero di “S”, il magazine che guarda dentro la cronaca, in edicola da sabato 22 gennaio: le segnalazioni finite sul tavolo del pool investigativo che coordina la caccia al latitante di Castelvetrano sono tantissime e combaciano con la storia del personaggio. Nei mesi scorsi, infatti, una fonte riservatissima ne ha raccontato la trasferta, datata 2003, in terra venezuelana dove è sbarcato all'aeroporto di Catia La Mar, cittadina a venti chilometri da Caracas. La fonte confidenziale, non un boss ma uno che si muove negli ambienti mafiosi, ha saputo dei viaggi del capomafia a Bogotà e Caracas, con due voli partiti da Parigi e Amsterdam. Ad accompagnarlo in Venezuela c'era un'affascinante donna. I suoi tratti somatici e l'accento delle pochissime parole proferite escludono, con certezza, che si tratti di una donna italiana. La fonte ha riferito di un pranzo al ristorante Villa Etrusca di Valencia, terza città più grande del Venezuela. Al tavolo di Matteo Messina Denaro erano seduti Francesco Termine e Vincenzo Spezia, uomini del narcotraffico che sarebbero stati successivamente arrestati.

Al momento le piste che danno Messina Denaro all'estero sono state scartate. Gli investigatori, infatti, seguono con più attenzione la traccia italiana: è seguendo la via degli affari che i pubblici ministeri contano di arrivare fino al latitante di Castelvetrano, che pur delegando parte del business a uomini fidati mantiene la regia in prima persona. Alcuni di questi affari avrebbero aperto la pista investigativa del Nord Italia. Su questo fronte, però, le vicende sono top secret. Bocche cucite, da qui la deduzione che ci sia qualcosa di più di una semplice segnalazione sul conto di “Diabolik”.