Live Sicilia

Il portavoce regionale di Idv

Russo (Idv): "Non c'è niente da festeggiare"


Articolo letto 1.034 volte


cuffaro, idv, russo, sentenza, Cronaca, Politica
Da due giorni l’ex presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro, si trova nel carcere di Rebibbia dove sconterà la condanna a sette anni di reclusione per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e violazione del segreto istruttorio nell'ambito del processo "Talpe alla Dda". Da due giorni politica e società civile si dividono tra professioni di solidarietà e festeggiamenti.

Se poche ore dopo la condanna c’è stato chi ha partecipato al sit-in (con immancabile vassoio di cannoli) organizzato dall’assistente dell’europarlamentare Sonia Alfano “per festeggiare” davanti Palazzo d’Orleans, c’è chi vede nel pronunciamento della Cassazione un’occasione per riflettere.

“Quest’uomo – scrive sulla sua pagina Facebook il portavoce regionale dell’Idv Pippo Russo - è stato condannato definitivamente per avere favorito non singoli mafiosi, ma la mafia nel suo complesso come organizzazione criminale. Questo uomo oggi è solo, dentro una cella, com'è giusto che sia, mentre in Sicilia continua la malapolitica, mentre ancora esiste il voto di scambio, mentre la mafia e il racket sono ancora forti, mentre le collusioni e le connivenze tra politica, mafia, affari e massoneria sono ancora salde. No, non c'è niente da festeggiare. Non voglio polemizzare ma non è un’occasione per fare feste”.

“Le sentenze – spiega Russo a LiveSicilia – non si festeggiano e non si criticano, ma si rispettano in silenzio. In questo Paese siamo troppo abituati a criticarle, contestarle e spesso senza neppure conoscerle fino in fondo. E’ giusto che la giustizia faccia il suo corso e quando, come in questo caso, c’è la condanna, la condanna di un politico, non c’è proprio cosa festeggiare”.

“Ci sono due piani paralleli – aggiunge – quello politico e quello penale. Da un punto di vista politico il nostro giudizio su Cuffaro è sempre stato negativo, perché rappresenta un vecchio modo di fare politica. Un modo basato sulle clientele, sul feudalesimo, dove i cittadini sono visti come sudditi. C’e’ poi un piano penale, che è distinto e autonomo, con una sentenza da rispettare”.

Per Russo “la condanna rappresenta certamente un fatto gravissimo” ma non si deve perdere di vista il rispetto sul piano umano e per la famiglia “che vive un dramma senza avere alcuna colpa”.

“Oggi Cuffaro – sottolinea Russo - sta pagando anche per tutti coloro che in qualche modo sono sfuggiti ai rigori della legge, ma non abbiamo una Sicilia più libera dalla mafia, dal sottosviluppo e dalla politica delle clientele e degli affari. La battaglia è ancora lunga. Adesso dobbiamo riflettere sul motivo per il quale non riusciamo a costruire, politicamente, un'alternativa credibile che spinga i cittadini a fare scelte diverse. Chi ci governa adesso proviene dalla stessa concezione feudale della politica che aveva Cuffaro e cammina a braccetto con chi dovrebbe stare con noi dell’Idv e combattere il sistema. Allora, invece di festeggiare, proviamo a riflettere su noi stessi e sull’incapacità di offrire ai cittadini un’alternativa credibile che li spinga al cambiamento".