Live Sicilia

Discriminazioni alla processione

Vuole spingere la vara del Giovedì Santo
E' donna, polemica a Caltanissetta


VOTA
0/5
0 voti

giovedì santo, processione, vara, Cronaca
Il desiderio della studentessa Melody di Graci di spingere una "vara", tipico carro delle processioni siciliane, nella cerimonia del Giovedì Santo ha scatenato le polemiche a Caltanissetta. L'antica associazione "Real Maestranza" ha tacciato come "utopico" l'ingresso delle donne nel corteo di ceti e mestieri. Eppure la ragazza ha avuto il via libera da una delle sedici organizzazioni: "L'orazione nell'orto" di Giovanni Lo Dico che le ha offerto l'opportunità di essere tra i "portatori". E lei nonostante le proteste annuncia che non si lascerà sfuggire questa occasione che sogna da tempo. "Le tradizioni vanno rispettate - dice Melody - ma non sono d'accordo con le preclusioni. E non per mero partito preso, ma per i precedenti che la storia regala. E poi mi sono ampiamente documentata e già nel Medioevo le donne rivestivano un ruolo di primo piano nelle processioni. La Flagellazione, una delle espressioni più significative, a quel tempo erano aperte alle donne che rivestivano una parte attiva".
Per il presidente della Real Maestranza, Gaetano Villanucci, il rifiuto è categorico: "Ma non per una questione discriminatoria". La studentessa comunque insiste: "andrò in processione a spingere la vara".

(Fonte ANSA)