Live Sicilia

Lo spettacolo dell'Ars

Il gioco delle tre carte


VOTA
0/5
0 voti

Nel Parlamento siciliano, custode antico delle regole, riflesso e rappresentanza del popolo, insigne scranno di uomini illustri, va ora in onda il gioco delle tra carte, siore e siori. Tu (minoranza) mi stronchi la legge elettorale? E io (maggioranza) mi stronco da sola la semplificazione. Tu alzi una palizzata? Io costruisco il muro di Sala d'Ercole, sulle misure di quello di Berlino. Tu dai fiato alle tue trombe? Io acchiappo le mie campane e le sbatto una contro l'altra. Ripicche, veti, liti. E' il gioco delle tre carte.

Naturalmente, i giocatori col banchetto non lo ammetteranno mai. Il disegno tal dei tali torna in commissione per nobilissime esigenze di approfondimento. Infatti, li immaginiamo con le ganasce sudate per lo sforzo i Soloni, i custodi, gli incliti, etc etc. Ecco, li chiameremo così: gli Etc Etc. La semplificazione suicidata ancora per fare spazio - via una carta, arriva l'altra - alla legge elettorale, a sua volta silurata dall'opposizione. Tutto per mere questioni di agonismo politico e di potere. Via la carta, prendi l'altra. Il pegno lo paga la Sicilia derelitta. E ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da urlare.