Live Sicilia

I volti e le storie

"Sono un disperato
della Formazione"


Formazione, proteste, disperazione. Livesicilia approfondisce il tema. Con questo articolo ricostruiamo le storie e le voci di tanti. Ma abbiamo fatto di più. Correlati al pezzo trovate i video. I "disperati" della Formazione in Sicilia si raccontano alla nostra telecamera.


, Cronaca
Giorni di recriminazioni da parte degli operatori della Formazione professionale, fossilizzati loro malgrado da settimane nel picchetto permanente di via Ausonia. Questo pomeriggio l'attesissimo incontro tra le confederazioni sindacali e i vertici della Regione, condizione necessaria per un percorso costruttivo finalizzato alla firma dell'accordo quadro per il settore in subbuglio dall'inizio del mese. Tanti gli esponenti degli enti scesi in piazza. Ieri, ad ora di pranzo i gazebo montati e diverse decine di lavoratori senza alcuna intenzione di smettere di presidiare l'assessorato. Rabbia che investe alcuni sindacati, giornali e politici.
Un fermento tutto interno agli operatori di settore, iniziato fin dalla presentazione del piano di riforma firmata Mario Centorrino; le occupazioni dell'Assessorato regionale di via Ausonia e le aggressioni verbali all'assessore, ne sono la prova.
All'ordine del giorno, nell'incontro con Lombardo, le rivendicazioni sindacali per una riforma condivisa, il problema del pagamento degli stipendi arretrati. Quella della Formazione professionale è una delle ferite scoperte della Sicilia: più di 8 mila dipendenti nei corsi. Una macchina da guerra che costa alla Regione 250 milioni di euro, costretta quindi ad attingere dal Fondo sociale europeo, secondo le parole Giovanni Lo Cicero, responsabile della Flc per la formazione professionale.  I contrasti sono profondi. La Cgil si fa sentire per chiedere una profonda ristrutturazione del settore e spacca il fronte della protesta. Insomma, anche per il sindacato di sinistra strada aperta alle riforme sostenibili per i lavoratori, ma niente patti con chi è responsabile dell'emergenza. Questi i problemi sul tappeto. Non ci fermiamo qui. Abbiamo raccolto le voci.