Live Sicilia

Eventi

150° d'Italia a Gibilrossa
Fare città: "Salviamo l'obelisco"


Articolo letto 624 volte

VOTA
0/5
0 voti

150° d'italia, gibilrossa, obelisco, Zapping
Un servizio di Striscia la notizia, andato in onda qualche settimana fa, ha messo in evidenza il forte degrado in cui versa l’obelisco di Gibilrossa, eretto nel 1881 su progetto dell’architetto Giovan Battista Filippo Basile in onore di Garibaldi e dell’impresa dei Mille.

“Purtroppo” affermano i componenti dell’Associazione Fare Città “per chi raggiunge Gibilrossa lo spettacolo che si presenta non è dei migliori. L’obelisco, è ricoperto da scritte che lo hanno trasformato da testimonianza del ricordo di un evento importante per la storia del paese in un diario lapideo per liceali. La responsabilità di tutto non è da imputare all’amministrazione, piuttosto è da riscontrarsi in un’assenza di valori e di cultura civica che tristemente avanza, soprattutto nei giovani che difficilmente ormai riconoscono i valori di un bene collettivo e ne considerano le qualità ed il valore di testimonianza storico-culturale che rappresenta. Il 150° anniversario dell’unità d’Italia è un momento importante per il nostro paese, e non si può perdere occasione perché venga ricordato nel migliore dei modi, specie alle nuove generazioni che sempre più sembrano distanti da quell’idea di Stato unitario. La nostra associazione, Fare Città, “ continuano ” è formata da giovani studenti, professionisti, lavoratori. Gente che nell’impegno sociale e culturale trova una missione per la crescita propria e della società e che non è mai stata insensibile a certe questioni. Per questo ci siamo adoperati affinchè Sabato 12, e se non dovesse bastare, anche Domenica 13 marzo, grazie ai nostri volontari, vengano ripuliti e risistemati gli spazi antistanti al monumento, purtroppo poco possiamo fare per togliere le scritte per cui occorre un recupero dispendioso che va fatto oltre che nei giusti tempi con le giuste tecniche. Il nostro vuole essere un gesto dal grande valore simbolico, per provare a ridar vita ad un pezzo importante della nostra storia, nella speranza che cresca nella gente la consapevolezza del grande valore storico che l’obelisco ha. Desideriamo invitare “ concludono i responsabili dell’iniziativa Domenico Bonanno, Carmelo Galati e Gaetano Canzoneri “ tutti i volontari interessati a dare il loro contributo; ci vediamo Sabato e Domenica, "armati" di scope, sacchi e rastrelli con l'orgoglio di sentirci tutti ITALIANI.”

La manifestazione dal titolo
“150 anni di Italia” si concluderà Giovedi 17 marzo presso l’obelisco, negli spazi recuperati con l’apposizione della targa celebrativa e con gli interventi di docenti universitari, storici, rappresentanti delle istituzioni e rappresentanti dell’amministrazione comunale di Misilmeri.