Live Sicilia

l'iniziativa di marianna caronia

Ecco la nuova Favorita


VOTA
0/5
0 voti

comune, Favorita, marianna caronia, palermo, Zapping
Punti di ristoro, aree attrezzate per i più piccoli e perfino il recupero dell’antico progetto dell’architetto Porcelli, che un tempo voleva realizzare una sorta di Disneyland siciliana: sono questi alcuni dei contributi offerti dai palermitani sull’utilizzo futuro del Parco della Favorita, nel corso del convegno ‘L’attuazione del piano d’uso della Favorita. Gli interventi di recupero ’.

“Ringrazio di cuore i cittadini palermitani che oggi, con le proprie proposte, hanno contribuito ad allargare gli ambiti di discussione, ma soprattutto hanno testimoniato l’amore che questa città nutre per il suo maggiore polmone verde – commenta Marianna Caronia, vicesindaco e assessore all’Ambiente –

Nel corso degli interventi degli esperti, che hanno anche mostrato immagini inedite della Favorita, è emerso tra il pubblico l’evidente desiderio di saperne di più – prosegue il vicesindaco - e così l’agronomo Tommaso La Mantia si è offerto di guidare una passeggiata didattica attraverso il parco, aperta a tutti i cittadini interessati. L’appuntamento è per domenica 27, alle 10, a Casa Natura.”

Sul piano operativo, alcune tra le linee guida del piano d’uso definite nel corso dei lavori sono la riqualificazione dell’area attualmente occupata dalla comunità Rom, il ripristino del giardino adiacente la Palazzina cinese, la ripiantumazione e la ripulitura dell’area pedemontana e la risistemazione delle ‘pipiniere’ e dei ‘semenzai’, una volta presenti in Favorita.

Ma il coinvolgimento dei cittadini nel dibattito sul futuro del parco cittadino non si ferma qui. A partire da domani, per dieci giorni, sull’home page del sito del Comune di Palermo sarà disponibile uno spazio dedicato ad un forum di discussione sull’argomento, dal titolo ‘Di’la tua sul piano d’uso della Favorita’. In seguito, il piano d’uso, implementato con i contributi dei cittadini, sarà definito e presentato alla giunta comunale per l’approvazione.