Live Sicilia

ARS

L'Assemblea dice no ai test antidroga sui candidati. Aricò: "Una decisione pregiudiziale"


VOTA
0/5
0 voti

aricò, ars, droga, palermo, test antidroga, Le brevi
“Esprimo disappunto per l’esclusione pregiudiziale di due emendamenti alla legge elettorale che prevedevano il test antidroga per i candidati e la periodicità degli stessi controllo per i candidati risultati eletti, al pari della presentazione sulla situazione patrimoniale o reddituale”. E’ quanto dichiarato dal deputato regionale di FLI Alessandro Aricò, a seguito dell’esclusione da parte del presidente di turno Santi Formica di due emendamenti che prevedevano il test antidroga per i candidati a sindaco o presidente della provincia, e la periodicità dei controlli e relativa pubblicizzazione qualora i candidati risultassero eletti.

Gli emendamenti erano firmati dai deputati Aricò, Marrocco, Gentile e Correnti (FLI) e Cimino (FdS). “ Vorrei capire – continua Aricò – il motivo per cui se qualcuno viene trovato positivo al test antidroga perde la patente di guida e la possibilità di guidare, mentre chi viene trovato positivo al test può continuare tranquillamente ad amministrare enti locali con tutto quello che ciò comporta. Proseguiremo la battaglia – conclude – interessando i nostri parlamentari nazionali ad introdurre questi principi nella legislazione nazionale”.