Live Sicilia

operazione eos 2, il processo

Mafia, cinque condannati a Palermo


Articolo letto 2.238 volte

VOTA
0/5
0 voti

condanne, eos 2, estorsione, mafia, palermo, processo, Cronaca
Il giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Palermo, Giangaspare Camerini, ha condannato a oltre 35 anni di carcere cinque imputati del clan mafioso del quartiere Resuttana, accusati di mafia ed estorsione. Si tratta di Mario Napoli e Carlo Giannusa, a cui sono stati inflitti otto anni e otto mesi di carcere ciascuno; Angelo Bonvissuto, sei anni e quattro mesi; Marcello Campagna, sei anni; Gioacchino Morisca, sette anni e sei mesi. Il Gup ha assolto e, ordinato l'immediata scarcerazione, di Massimo Di Fiore e Pietro Pipitone.

Gli imputati ritenuti colpevoli dovranno risarcire venti mila euro a ciascuna delle parti civili: Addiopizzo, Libero Futuro, Sos Impresa, Coordinamento vittime delle estorsioni, Solidaria Scs, Centro studi Pio La Torre, Provincia regionale, Confcommercio e Confindustria. Sarà stabilito in sede civile il risarcimento per i quattro imprenditori taglieggiati.  L'accusa era rappresentata dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dai sostituti Francesco Del Bene, Gaetano Paci, Anna Maria Picozzi e Marcello Viola. Il processo prende le mosse dall'operazione denominata Eos 2 che, nell'aprile 2010, grazie alle dichiarazioni del pentito Manuel Pasta, portò in carcere dieci persone. Tre indagati, Diego Ciulla, titolare del negozio Hessian di Palermo, Piero Pilo e Andrea Quatrosi, ex reggente del mandamento Resuttana, hanno scelto di essere processati con il rito ordinario.