Live Sicilia

Lombardo contro il governo nazionale

"Ci mettono in ginocchio"


VOTA
0/5
0 voti

governo nazionale, raffaele lombardo, Politica
Raffaele Lombardo si scaglia contro il governo nazionale sul suo blog. "Gli esponenti della maggioranza del governo Berlusconi della provincia di Ragusa non vogliono riconoscere c
he è il governo nazionale che mette in ginocchio la Sicilia con una strafottenza e una indifferenza preoccupanti - scrive. - E invece il sindaco di Ragusa polemizza con me. Stiano certi i ragusani che le risorse per Ibla sono assicurate.

Dipasquale francamente non credo sia il sindaco che i ragusani, persone per bene, laboriose, serie e pazienti, meritino. Tutto quello che fa è strumentale e finalizzato al lucro elettorale o politico. Potrei citare tante delle volte in cui mi ha elogiato e ringraziato per l’attenzione che ho riservato a lui, alla sua amministrazione e, come è giusto che sia, alla città di Ragusa. Lo ha fatto pubblicamente e ben prima che l’Mpa fosse in giunta. Usa parole da maleducato e, dato che parla di ritorsione mafiosa, lo querelerò, non ho altro da fare. Spero che abbia altri argomenti per la campagna elettorale e la smetta di provocarmi. A proposito della legge su Ibla ho già detto che mi sono impegnato a ripristinarla in sede di conferenza regione-autonomie locali.

Non ho mai detto che Dipasquale si debba dimettere. Mi sono limitato a chiedere se gli risultasse che gli esponenti del suo partito avessero posto la questione. A me non risulta. Il governo può proporre un emendamento o, in ogni caso, assicurare che in sede di conferenza regione-autonomie locali si riservi la somma che serve per Ibla, Piuttosto che scatenare la sua ira ipocrita e contraddittoria sul governo regionale, si renda conto di una cosa: hanno aperto una polemica infernale contro di me sul piano paesaggistico, poi hanno montato una polemica sulla Catania-Ragusa e adesso tutto si è fermato. Perché questo esponente politico non comincia a protestare contro il governo nazionale che ha messo in ginocchio la Sicilia?

La Sicilia non vuole rinunciare alla sua autonomia perché abbiamo detto e ridetto che per quanto ci riguarda si usasse pure il fondo Fas per avviare l’opera. Cosa aspetta il governo? Non ha da mettere la sua parte di risorse? Non intende celebrare questa gara? Perché non si polemizza con il governo nazionale che non fa il minimo indispensabile per la Sicilia? L’aeroporto di Comiso è pronto a partire e si aspetta solo un decreto del ministro dell’economia per renderlo operativo e metterlo al servizio di un territorio importante e ricco per l’agricoltura e per il turismo. Ibla va aiutata con un legge ma è importante che ci sia un aeroporto per valorizzarla. Così come per tutte le altre città della zona".