Live Sicilia

l'anniversario del militante

CasaPound ricorda Peppino Impastato:
"Rispetto per lui, è stato un martire"



casapound, peppino impastato, Cronaca, Palermo
“Rispetto per Impastato, martire per la giustizia” è quanto scritto negli striscioni appesi nella notte da
CasaPound Italia per rendere omaggio a Peppino Impastato, il militante di sinistra ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978.

"Nonostante avesse fatto un percorso politico opposto al nostro - spiega Andrea La Barbera, responsabile regionale di Cpi - ci siamo sentiti in dovere di ricordarlo per il suo coraggio che lo portò non solo a non scappare dalla Sicilia e rimanere ma addirittura a ribellarsi apertamente al dominio mafioso con irriverenza e goliardia. Un esempio che va all'opposto delle categorie umane del ma-chi-te-lo-fa-fare e lascia-perdere-tanto-non-cambia-nulla, ed è questo che maggiormente colpisce di lui. Un esempio che non solo va ricordato ma incoraggiato tra i giovani che invece sempre più spesso sono costretti ad andarsene per mancanza di lavoro e di opportunità in una terra vittima del malaffare. Magari attuando delle reali politiche di sviluppo dell'occupazione che non cadano vittime della burocrazia e delle promesse fatue”.

“Nei prossimi giorni organizzeremo una tavola rotonda sulla lotta alla mafia in Sicilia e proietteremo il film I cento passi nello spazio non conforme di AreArdita – conclude Andrea La Barbera – Invitiamo tutti gli interessati a seguire il nostro sito www.palermoantagonista.tk per avere maggiori informazioni sull'evento”.
 




articoli correlati

6 La memoria di Peppino Impastato

La storia dei veri eroi dell'antimafia

Peppino Impastato fu ucciso nella notte tra l'otto e il nove maggio. Noi non c'eravamo, ma ricordiamo i funerali di sua madre, Felicia. Una bara seguita da forestieri. C'era Umberto Santino. C'era Luigi Lo Cascio. Non c'era il paese.  Al passaggio del feretro, finestre e porte che si chiudevano, come in un brutto film siciliano. C'è una Sicilia che non sopporta l'antimafia vera.