Live Sicilia

IMPRESE

Confindustria Catania: "Beffati dalla Regione"


VOTA
0/5
0 voti

Catania, confindustria, imperese, regione, Catania, Le brevi
"Alle nostre costanti sollecitazioni per un cambio di rotta sul fronte della spesa improduttiva il governo regionale è rimasto sordo". Ci sentiamo beffati. Lo ha affermato il presidente di Confindustria Catania stamane durante l'assemblea dei soci, che ha approvato il bilancio consuntivo 2010, commentando il rinvio sine die del credito di imposta regionale per gli investimenti, previsto dalla legge n. 11/2009, bloccato a tre giorni dal click day per mancanza di copertura finanziaria.

Il bilancio consuntivo 2010 di Confindustria Catania per il nono anno consecutivo registra un avanzo di gestione pari al 5,32% delle entrate contributive al netto delle imposte. "E' intollerabile - ha aggiunto Bonaccorsi - che le aziende non possano fidarsi delle istituzioni regionali: un segnale decisamente scoraggiante per tutto il sistema produttivo". "Da anni - ha proseguito - ci battiamo per una migliore qualificazione della spesa regionale, per avere al fianco una classe politica e un apparato burocratico capace di accompagnare i progetti di investimento e non di ostacolarli. Uno sforzo che non ha trovato ancora risposte adeguate".

"Oggi l'ennesima battuta d'arresto - ha concluso - per il mondo delle imprese, che non sono più disposte a sopportare ingiustificabili perdite di tempo. Abbiamo bisogno di risorse vere e certe da cui far ripartire sviluppo e occupazione".