Live Sicilia

In edicola con "S"

"Sua Sanità", a Trapani
un dossier su Giammarinaro


VOTA
0/5
0 voti

domenico turano, pino giammarinaro, pio lo giudice, salemi, salus iniqua, saverio romano, totò cuffaro, trapani, vittorio sgarbi, Cronaca, S, Trapani
Tutte le aziende sequestrate, tutte le pressioni sul mondo politico, tutti gli affari nelle cliniche. “S” ha dedicato un dossier a “Sua Sanità”, Pino Giammarinaro, e al maxi-sequestro subìto il 17 maggio dall'ex parlamentare regionale: uno speciale di 32 pagine che da oggi è disponibile in allegato con “S” in provincia di Trapani (al costo di 1,90 euro più il prezzo di copertina) e che può essere acquistato in formato digitale su LiveSicilia al prezzo di 0,99 euro (per comprarlo è sufficiente cliccare qui).
Ad essere finita sotto accusa è la politica trapanese. I contatti sono serrati: secondo l'inchiesta della divisione Anticrimine della questura trapanese, Giammarinaro avrebbe avuto in pugno anche la vita amministrativa del Comune di Salemi, guidato dal sindaco Vittorio Sgarbi, ma non è solo il nome del critico d’arte a fare capolino nelle carte dell’indagine. Ci sono pure quelli del ministro dell’Agricoltura Saverio Romano e dell’ex presidente della Regione, Totò Cuffaro, di assessori comunali e candidati in diverse competizioni elettorali. A partire dal parlamentare regionale Giuseppe “Pio” Lo Giudice, che agli investigatori ha detto di essere stato un “burattino”. “Effettivamente – ha spiegato, parlando di una conversazione con Giammarinaro – ho capito che sarei durato in carica solo se fossi stato allineato alle sue direttive. In tal modo il Giammarinaro mi faceva passare per un burattino”.