Live Sicilia

Il documento sequestarto a casa Ciancimino

Ecco un altro pizzino:
"Per papà. Ho visto..."


Articolo letto 5.042 volte

VOTA
1/5
1 voto

ciancimino, pizzino, processo mori, Cronaca
"Per papà. Ho visto Giancarlo come da appuntamento: ho posto i tre quesiti ('T', '18 P' e se era possibile prima della Cass. andare a casa). Mi ha detto che fino ad ora non ci sono novità. Restano i vecchi accordi presi con te". Comincia così l'ultimo dei pizzini sequestrati a casa di Massimo Ciancimino, trovati nel famoso sgabuzzino. La lettera è stata rinvenuta alla presenza dell'avvocato Francesca Russo, legale di Ciancimino jr. Il documento, che risale agli inizi del 1993, come appurato dalla Scientifica, sarebbe stato indirizzato al padre, l'ex sindaco mafioso di Palermo Vito che allora era detenuto. Il biglietto, manoscritto e originale, era tra i documenti sequestrati nell'archivio segreto di Massimo trovati dopo il suo arresto, avvenuto il 22 aprile scorso. "T non fa niente prima della sentenza P - prosegue - Dichiarazioni dei pentiti (nuovi) su di te non dicono nulla. Le ha lette. Aspetta insediamento del nuovo a Palermo. (E' amico), per sapere notizie dei nuovi assetti". "Per quanto riguarda P - aggiunge - si preoccupa di interventi esterni e per poterli arginare ha bisogno di parlare con te. Abbiamo stabilito che è il caso che vi incontriate al più presto. Come te lo spiego giorno 12 al colloquio". Poi Massimo Ciancimino scrive: "IMPORTANTE: per il giorno 14-1-93 puoi fare la rinunzia a presenziare in udienza. Per il giorno 18-1-93 aspetta mie istruzioni che posso darti solo io il giorno 12".

Clicca per leggere la versione integrale del pizzino



Sul testo criptico del pizzino scritto al padre, Massimo Ciancimino ha fornito alcune spiegazioni ai pm che stanno cercando di ricostruirne il contenuto. "Giancarlo" sarebbe il capitano Giuseppe De Donno, il carabiniere che avrebbe avviato la presunta trattativa con Vito Ciancimino. T sarebbe l'iniziale di "tubi" in riferimento alle mappe su cui, secondo Massimo Ciancimino, Bernardo Provenzano avrebbe indicato il luogo dove si nascondeva Totò Riina. 18 P sarebbero i giorni da passare prima della perquisizione nel covo di via Bernini. La seconda T sarebbe ancora de Donno. Sentenza P sarebbe il via libera di Provenzano. Amico sarebbe Giancarlo Caselli, allora procuratore  a Palermo. "Abbiamo stabilito che è il caso che vi incontriate al più presto". Una frase del pizzino. Secondo Massimo Ciancimino, il 18 gennaio del '93 - data riportata nel pizzino - Vito Ciancimino avrebbe partecipato ad una udienza in Corte d'appello a Palermo. In quello stessio giorno sarebbe stato organizzato un incontro con Provenzano. La frase: "Ho visto Ellide" farebbe riferimento a una amante di Vito Ciancimino. Dalla relazioen sarebbe nato un figlio.

(La foto del pizzino)