Live Sicilia

Palermo

E voi ballate (senza permesso)
Controlli e denunce della polizia


Articolo letto 1.712 volte

VOTA
0/5
0 voti

ballo, controlli, denuncia, palermo, Cronaca, Palermo
Sei persone denunciate e sanzioni amministrative per un totale di 198mila euro. E' il bilancio di una serie di controlli eseguiti dalla polizia a Palermo sulla regolarità delle licenze di sale da gioco, pub, bar, discoteche e locali adibiti a serate a tema quali 'scuole di tango', che talvolta sono sotto falsa denominazione di associazione. I poliziotti hanno così scoperto che nella scuola di danza di via Trentacoste era in corso una serata di ballo senza che il locale fosse in possesso della licenza. Il titolare è stato così denunciato, mentre sono state fatte due contravvenzioni di 258 euro e di 5.000 euro per la mancata licenza di somministrazione di alimenti e bevande.

Nel corso dei controlli, sono stati denunciati per disturbo della quiete pubblica i titolari di un pub di via del Leone. Oltre alla denuncia, scatterà anche una sanzione amministrativa di 1.032 euro. Due denunce anche per i gestori di un locale in viale Regione siciliana Nord Ovest, dove era in corso una attività di ballo senza che il locale fosse in possesso della relativa licenza. Oltre alla denuncia, una sanzione amministrativa di 258 euro e la sospensione immediata dell'attività. Il personale della polizia amministrativa e sociale della questura di Palermo, inoltre, ha notificato una sanzione di 32.000 euro a un bar-panificio di via Lascaris ed una analoga ad una sala giochi di via Imera. I titolari dei due esercizi ospitavano macchinette videogiochi illegali, perché scollegate dalla rete dei monopoli di Stato e quindi capaci di sfuggire ai controlli dell'erario. Ogni titolare è stato amministrativamente sanzionato con una cifra all'incirca pari a due volte e mezzo il guadagno ricavato dall'attività del videogioco. Inoltre, il titolare della sala giochi è stato denunciato all'autorità giudiziaria per aver violato i sigilli di due apparecchi videogiochi e per sottrazione di beni posti sottosequestro.